Tiziana Maniscalchi ha da poco riposto il camice nell’armadietto, ha salutato i colleghi ed è tornata a casa. “Solo oggi pomeriggio ne abbiamo ricoverati 7-8, siamo di nuovo in salita. Stiamo ricominciando e fa rabbia, perché dovremmo occuparci di altre malattie”. I pazienti dell’ultima settimana sono “tutti non vaccinati”, racconta, confermando quello che le statistiche del monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità fotografano in maniera limpida: “La vaccinazione completa presenta un’efficacia molto elevata, particolarmente protettiva per ospedalizzazioni, ricoveri in terapia intensiva e decessi. Oggi la curva dei casi per chi ha uno status di non vaccinato è evidente, mentre per i vaccinati con ciclo completo è quasi non percepibile, ha spiegato il presidente Silvio Brusaferro. I medici sul campo lo vedono giorno per giorno, in anticipo rispetto al report delle autorità sanitarie. Quello della dottoressa Maniscalchi è un osservatorio “privilegiato”. È la primaria del pronto soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo, hub covid dell’azienda ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello. La prima linea della Sicilia occidentale nella lotta alla nuova ondata, una coda lunga evitabile: “Stiamo garantendo a tutti la possibilità di vaccinarsi – dice Maniscalchi – Quindi si tratta di pazienti che oggi non dovrebbero rimanere in ospedale”.

Invece nelle ultime settimane il flusso è tornato a crescere: “E giorno dopo oggi osserviamo che negli accessi in pronto soccorso diminuisce la percentuale di persone ‘coperte’ e sale quella di pazienti che non sono vaccinati”. Con una differenza sostanziale, rimarca la primaria (foto a sinistra, ndr): “I contagiati che hanno effettuato una dose o il ciclo completo vengono sistematicamente rimandati a casa dopo gli accertamenti. E parliamo di over 60, spesso di persone con comorbilità. In altre parole, pazienti che senza vaccino avrebbero certamente subito un’evoluzione grave della malattia”. Un episodio per tutti: “Alcuni giorni fa abbiamo tranquillamente dimesso dal pronto soccorso una coppia, lei di 67 anni e lui 65enne, paziente broncopatico e cardiopatico, con diabete. Senza vaccino non sarebbe mai accaduto”, sottolinea Maniscalchi.

Viaggiando in altre Regioni, la situazione è identica. Lo conferma il professore Antonio Moschetta, internista in servizio nell’hub della Fiera del Levante di Bari, lo ribadisce Antonino Marchese, direttore sanitario Covid hospital 3 di Casalpalocco, alle porte di Roma. Chi arriva in ospedale è quasi esclusivamente non vaccinato. Nei reparti di sub-intensiva e terapia intensiva la percentuale dei nuovi accessi è totalmente spostata tra coloro che non hanno effettuato iniezioni. Anche giovani. Il racconto è sempre lo stesso. E Maniscalchi sottolinea: “Intanto la circolazione ferma anche chi è vaccinato, limitandone la libertà. A me farebbe piacere andare in vacanza a Santorini o a trovare mio fratello in Spagna, dopo quasi due anni lontani – si rammarica la primaria del Cervello – Invece devo ancora rinunciarci”.

La necessità di “cautela” è ribadita anche da Moschetta, ordinario di medicina interna del Policlinico di Bari da mesi impegnato nella sub-intensiva del centro allestito dalla Regione Puglia tra la prima e la seconda ondata: “Al momento abbiamo 8 persone, tutte non vaccinate, in ventilazione assistita non meccanica”. Una situazione che non riguarda solo gli anziani: “L’età è variabile, andiamo da un 80enne a due quarantenni fino a due atleti. Il fattore comune è la mancata vaccinazione e ora tutti loro si rendono conto che hanno sbagliato, ce lo dicono”, racconta. L’effetto di Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Johnson&Johnson, insomma, è ben visibile. Un concetto sul quale il professore insiste: “Dobbiamo uscire dalla retorica del vaccino come la speranza. È già una certezza. Il paradigma della protezione siamo proprio noi operatori sanitari – spiega – Nei nostri reparti, durante la prima ondata, che in Puglia non è stata devastante, molti si sono ammalati con sintomi. Durante la seconda di marzo e aprile, violentissima, eravamo tutti vaccinati e abbiamo avuto zero operatori contagiati. Ripeto: zero”.

Le sacche di restii ad aderire alla campagna vengono definiti un fenomeno “allucinante” da Marchese, che nell’hub di Casalpalocco ha dovuto riconvertire anche le sale operatorie per arrivare a 120 posti riservati a pazienti Covid, di cui 40 di terapia intensiva e 18 di sub-intensiva. “Oggi ne abbiamo 36 occupati, dieci pazienti sono in terapia intensiva e 8 in sub-intensiva. Tutti non vaccinati”, dice tutto d’un fiato. Pentiti? “Non mi pare, l’idea è che restino sulla loro posizione contraria al vaccino”. Il direttore sanitario non usa metafore: “Sono senza parole, non ci sono obiezioni al dovere di vaccinarsi”. La dura uscita di Mario Draghi nel giorno dell’approvazione del decreto che introduce il green pass per accedere a diverse attività è stata accolta con favore nei reparti che in questi giorni iniziano a sentire le prime fibrillazioni scaturite dalla crescita dei contagi registrata nelle ultime due settimane: “Ha fatto bene – sottolinea Marchese – Adesso è il momento di far rispettare le regole introdotte con il green pass. Altrimenti il virus resterà un problema di tutti”.

Twitter: @andtundo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Perri: “Il 90% dei ricoverati non è vaccinato, ammalati gravi anche 30enni. Alcuni hanno ammesso di aver valutato male la situazione”

next
Articolo Successivo

Napoli, turisti emiliani rapinati di un Rolex. Nella fuga uno dei malviventi perde lo smartphone: i carabinieri arrestano due persone

next