Per una settimana ha affrontato e resistito agli attacchi di un orso grizzly nel cuore dell’Alaska, in una zona disabitata e sperduta. A salvargli la vita è stato l’equipaggio di un elicottero che stava trasportando un gruppo di scienziati sulla costa che ha visto il cartello SOS scritto sul tetto di una cabina: “Quell’uomo era in mezzo al nulla, in una zona in cui non abbiamo mai visto anima viva. Quando ci siamo avvicinati era carponi e sventolava una bandiera bianca”, hanno raccontato i soccorritori al New York Times.Se fossimo passati poco più in là non avremmo mai visto quell’uomo“.

I fatti sono successi venerdì scorso: quando è tornato per ispezionare il messaggio, l’equipaggio ha visto un uomo alzare le mani in aria. Questo gesto e’ “considerato a livello internazionale come un segnale di aiuto”. Così, i membri dell’equipaggio sono sbarcati e si sono messi in contatto con l’individuo che “aveva bisogno di assistenza medica dopo essere stato attaccato da un orso pochi giorni prima”. La vittima ha riportato una ferita alla gamba e contusioni al busto. Ha detto alle autorità che per una settimana è stato molestato dall’orso che tornava alla sua capanna ogni notte, mettendo a dura prova la sua capacità di resistergli. L’uomo è stato portato nella vicina città di None per essere curato per le ferite riportate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornalista brasiliano fa la telecronaca della propria vaccinazione come fosse un’azione da gol: il video è uno spasso

next
Articolo Successivo

Fraintende il segnale di via mentre fa bungee jumping e salta nel vuoto dal ponte senza corde: ragazza di 25 anni muore

next