“La Fornero ha rovinato milioni di italiani, dovrebbe essere esiliata su un’isola” (maggio 2014). “Io la manderei su un’isola deserta a pane e acqua(giugno 2015, guarda il video). “Se gli italiani ci dovessero dare i voti necessari per governare, la prima cosa che faremo sarà cambiare la legge Fornero e la seconda sarà mandare la signora Fornero in esilio su un’isola deserta” (maggio 2017). Per Matteo Salvini l’immagine di Elsa Fornero al confino è un miraggio inseguito da anni. Non è dato però sapere se il sogno sopravviva anche oggi, nonostante nel frattempo – durante la stagione gialloverde – sia stata varata quota 100, la misura sperimentale che ha consentito a meno di 300mila persone di lasciare il lavoro prima di quando previsto dalla riforma del 2011 presentata dalla Fornero in lacrime e che a dicembre arriverà a scadenza. Il leader della Lega, che oggi sostiene il governo Draghi, non ha commentato l’ingresso dell’economista piemontese nel Consiglio d’indirizzo per la politica economica istituito all’inizio di luglio a Palazzo Chigi e presieduto dal sottosegretario Bruno Tabacci.

Lunedì sera è arrivata solo la notizia di un’interrogazione del Carroccio al ministro del Lavoro Andrea Orlando in cui si legge che “indubbiamente la scelta di Elsa Fornero non è -per gli interroganti – sinonimo di tranquillità e serenità rispetto ad eventuali interventi in materia pensionistica, anche alla luce della prossima scadenza della sperimentazione di Quota 100″. Orlando dal canto suo ha commentato: “Trovo divertente e curioso il fatto che Salvini faccia chiedere a me da alcuni suoi parlamentari il perché della nomina della professoressa Fornero tra i consulenti del dipartimento programmazione economica. #interrogazionirandom“.

L’organo di indirizzo, coordinato dal numero uno del Dipartimento politica economica Marco Leonardi a cui fanno capo anche i contestati consulenti “turbo liberisti” Riccardo Puglisi e Carlo Stagnaro, ha il compito di “orientare, potenziare e rendere efficiente l’attività programmatica in materia di coordinamento della politica economica” e si immagina avrà voce in capitolo, appunto, nel decidere come superare quota 100, fortemente voluta dal Carroccio nel 2018. I sindacati auspicano un “intervento complessivo sulla previdenza partendo dalla Piattaforma unitaria presentata da mesi al governo”. Senza interventi che accompagnino il passaggio si rischia il cosiddetto “scalone“, cioè il ritorno immediato alle regole della Fornero che prevedono per la pensione di vecchiaia un minimo di 67 anni di età e 20 anni di contributi (mentre per la pensione anticipata servono 42 anni e 10 mesi di contributi). Ipotesi irricevibile per Salvini che lo scorso anno, quando a Palazzo Chigi c’era Conte, avvertiva: “Vogliono tornare alla Legge Fornero!?!?! La Lega non glielo permetterà, promesso. Non si scherza con i sacrifici di milioni di lavoratrici e lavoratori italiani. #forneromaipiu'”.

Ora il ritorno alla legge Fornero tout court sembra non volerlo nessuno, compreso il Movimento 5 Stelle che chiede nuovi “percorsi di flessibilità in uscita post Quota 100”, ma la Fornero in persona torna nelle stanze di governo nella veste di consulente. La posizione dell’ex ministra del governo Monti su quella misura è nota: “Ho sempre avuto una opinione negativa“, ha ricordato lo scorso aprile, “penso che non fosse il momento di farla, che abbia aumentato il debito, consentito a persone che un lavoro lo avevano di uscire prima con nessuna penalizzazione ma con una pensione più bassa perché usciti prima, determinato nessun aumento dell’occupazione giovanile” e che sia stata “discriminante nei confronti delle donne”. Salvini, per ora, tace. Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha convocato i sindacati sul tema per il prossimo 27 luglio: le sigle chiedono flessibilità in uscita dopo 62 anni di età, 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica, riconoscimento previdenziale dei lavori gravosi e di quello di cura svolto in particolare dalle donne, tutela del lavoro discontinuo o a basso reddito, rilancio della previdenza complementare, ripristino della piena rivalutazione delle pensioni e ampliamento della quattordicesima.

Nel nuovo consiglio di indirizzo insediato a Chigi siedono, accanto alla Fornero, anche il giornalista e vicepresidente Assolombarda Antonio Calabrò, Patrizia De Luise (Confesercenti), Giuseppe De Rita (Censis), Giuseppe Guzzetti (Fondazione Cariplo), Alessandra Lanza (partner di Prometeia), il sociologo Mauro Magatti, l’ex segretario generale della Camera Mauro Zampini e l’ex vice segretario Alessandro Palanza, la docente della Bocconi Paola Profeta, l’ex assessora al Bilancio di Ignazio Marino Silvia Scozzese, l’esperta di politiche del welfare Alessandra Servidori, l’ex presidente Rai Annamaria Tarantola, Alessandro Pajno e Monica Parrella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borse tutte in rosso, pesano i timori per la variante Delta. Giù i prezzi del petrolio dopo l’accordo Opec su aumento della produzione

next
Articolo Successivo

Trasporto aereo: nel 2020 -72,5% di passeggeri rispetto al 2019. Enac: “Perdita complessiva di oltre 1 miliardo di euro”

next