Senza annunci plateali, Google ha limitato a un’ora le videochiamate di gruppo di Meet per gli account gratuiti: queste prima erano “illimitate” (non si poteva comunque superare un massimo di 24 ore) per favorire la comunicazione nei duri mesi della pandemia.

Quando Meet è diventato disponibile per tutti gli utenti nell’aprile del 2020, Google ha affermato che non avrebbe imposto il limite di tempo di 60 minuti alle chiamate di gruppo fino al 30 settembre. Tale scadenza per le chiamate di gruppo illimitate è stata successivamente estesa al 31 marzo 2021, e di nuovo al 30 giugno. Come riporta The Verge, da luglio le chiamate di gruppo di Google Meet – con 3 o più partecipanti – sono ufficialmente limitate a 60 minuti per gli account gratuiti.

La possibilità di effettuare riunioni di gruppo illimitate è stata utile perché molti meeting che avvenivano di persona sono stati spostati online a causa del COVID-19. Non doversi preoccupare dell’interruzione di una chiamata o della creazione di nuovi link per accedere alle riunioni significava poter lavorare o parlare con la propria famiglia per lunghe ore.

Google consente ancora alle chiamate individuali di durare tutto il tempo necessario, ma le chiamate di gruppo più lunghe di 60 minuti saranno consentite solo se si aggiorna l’account acquistando un abbonamento di Google Workspace, o almeno questo è ciò che afferma Google nella pagina inglese del supporto. Ovviamente Google non staccherà la videochiamata all’improvviso: 5 minuti prima dallo scadere del tempo vi avviserà, invitandovi ad acquistare un abbonamento nel caso in cui non si voglia terminare la videochiamata.

Se si vuole continuare a sfruttare Meet gratis, comunque, basterà generare un altro link a una nuova videochiamata una volta scaduto il tempo della prima. Meet, Zoom e Microsoft Teams sono nate come piattaforme di comunicazione aziendale, adottate dagli utenti per necessità durante la pandemia. Le aziende dietro queste piattaforme hanno agevolato il loro utilizzo tramite delle offerte vantaggiose che consentivano di usufruire delle videochiamate anche senza abbonamenti. Ora che alcuni di questi omaggi stanno terminando, sarà interessante vedere quali piattaforme continueranno a essere utilizzate e quali, invece, saranno lentamente abbandonate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Logitech Combo Touch, ecco l’alternativa alla Apple Magic Keyboard

next
Articolo Successivo

Smartphone pieghevoli, pioggia di modelli in arrivo

next