Una 60enne ha strangolato e ucciso il marito dopo averlo sedato. Poi ha chiamato i carabinieri e ha confessato l’omicidio, dicendo di aver reagito alle continue violenze e maltrattamenti subiti nel corso degli anni da lei e dal figlio. È successo domenica 11 luglio a Borghetto di Borbera, in provincia di Alessandria.

La donna era in casa con il figlio. L’omicidio è avvenuto alle 19.30 di domenica 11 luglio e poco dopo la 60enne ha chiamato il 112 dicendo di aver ucciso il marito, un 64enne ex camionista in pensione. Quando i militari di Novi Ligure sono arrivati sul posto con Sezione Investigazioni Scientifiche del Nucleo investigativo del Reparto Operativo di Alessandria, le forze dell’ordine hanno trovato l’uomo senza vita con segni di strangolamento.

Portata nella caserma di Novi Ligure dove è stata interrogata nel corso della notte dai carabinieri e dal pm di Alessandria, la donna ha ribadito la propria versione dei fatti, assumendosi la responsabilità dell’omicidio. Al termine è stata trasferita nelle carceri Lorusso e Cutugno di Torino. Le indagini dei militari proseguono, in attesa dell’esame autoptico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Severo, 42enne ucciso mentre festeggia l’Italia: gravissimo il nipote di 6 anni che era in scooter con lui

next
Articolo Successivo

Milano, paziente accoltella chirurgo al San Donato: voleva fare una visita senza la prenotazione. Medico in condizioni serie

next