“Io credo che quello che sta succedendo in alcune aziende” come la Giannetti Ruote in Brianza “sia una cosa inaccettabile, una logica da far west. Quello che chiediamo è il ritiro di quella procedura e chiediamo al Governo e ai ministri che hanno firmato quell’accordo di convocare queste imprese a Roma perché questi atteggiamenti sono fuori dalle logiche e dalle leggi del nostro Paese e anche dall’accordo che quel giorno abbiamo firmato quel giorno con il Governo e tutte le associazioni”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil Maurizio Landini a margine dell’Assemblea nazionale Filt Cgil.

Landini ha poi spiegato, in merito all’accordo sullo sblocco dei licenziamenti, che questo “aveva lo scopo di dire che siccome c’è la cassa integrazione ordinaria gratuita per chi ha dei problemi, che utilizzi quella prima di passare ai licenziamenti. Credo che il problema sia quello di farlo applicare in tutte le sue parti. Questo vuol dire che anche i firmatari dell’accordo devono assumersi questa responsabilità e agire insieme a noi agire per far sì che le imprese hanno fatto scelte sbagliate tornino nelle logiche di questo Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gkn e i 422 dipendenti licenziati via e-mail. Il ministro Orlando: “Modalità inaccettabili”. Letta: “La norma sullo sblocco va cambiata”

next
Articolo Successivo

Parità di genere, nessuna svolta dal Pnrr: per le donne solo briciole

next