È finalmente attivo il servizio Inps per richiedere l’indennità da 1.600 euro prevista dal decreto Sostegni bis per i lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, i somministrati, gli autonomi occasionali e gli intermittenti, gli incaricati di vendite a domicilio. La settimana scorsa era partita, dopo una lunga attesa, l’erogazione automatica del bonus per tutti coloro che avevano già ricevuto quello da 2.400 euro introdotto con il Sostegni 1 a marzo. Devono fare domanda solo quelli che non hanno ottenuto quella prima tranche. C’è tempo fino al prossimo 30 settembre. La misura di sostegno, ricorda la nota dell’istituto previdenziale, prevede l’erogazione di una indennità pari a 1.600 euro per le categorie prima citate, 800 euro per i lavoratori agricoli o 950 euro per i pescatori.

Lunedì sera, in extremis, il Tesoro ha poi fatto sapere che è stato adottato un Dpcm che proroga il termine di versamento del saldo 2020 e del primo acconto 2021 ai fini delle imposte sui redditi e dell’Iva, per i contribuenti interessati dall’applicazione degli Indici Sintetici di Affidabilità compresi quelli aderenti al regime forfetario. Il termine di versamento in scadenza il 30 giugno sarà prorogato al 20 luglio, senza corresponsione di interessi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blocco dei licenziamenti, il governo decide per lo stop: esclusi solo i settori più in crisi come il comparto moda

next