Il governo ha deciso di confermare lo stop al blocco dei licenziamenti, escludendo solo i settori più in crisi come il comparto della moda. Nel corso della cabina di regia a Palazzo Chigi, alla quale era presente Mario Draghi, è stata stabilita una proroga selettiva del blocco.

Gli interventi si reggeranno su due gambe: la prima prevede il blocco dei licenziamenti fino al 31 ottobre e la contestuale cassa Covid per i comparti genericamente legati alla moda, come tessile, calzature, pelletteria. La seconda è la messa a disposizione di 13 settimane di cassa integrazione straordinaria gratuita, su richiesta, per le ditte in crisi (non solo quelle con tavoli aperti al Mise) e per quelle che hanno terminato gli ammortizzatori sociali, con il contestuale blocco dei licenziamenti. Sarà possibile fare richiesta entro il 31 dicembre. Sono previsti anche 6 mesi di cassa integrazione per cessazione per il comparto aereo.

A partire da martedì alle 15 il presidente del Consiglio Draghi incontrerà le parti sociali per spiegare la misura che sarà formalizzata attraverso un decreto, finanziato con i 3-4 miliardi di fondi stanziati ma non spesi per i contributi a fondo perduto. L’incontro con i sindacati, a quanto si apprende, è stato chiesto da Pd, Leu e Movimento Cinque Stelle.

“La discussione è andata nella direzione giusta: aumentare gli strumenti di protezione e rendere meno traumatico il superamento del blocco dei licenziamenti, offrendo strumenti alle imprese e ai lavoratori per gestire le crisi. È importante anche che le misure saranno sottoposte al confronto con le parti sociali”, ha detto il ministro del Lavoro Andrea Orlando, al termine del vertice al quale hanno partecipato anche i ministri Renato Brunetta, Giancarlo Giorgetti, Roberto Speranza, Elena Bonetti, Daniele Franco e Stefano Patuanelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Licenziamenti, Landini dopo incontro con Forza Italia: “Abbiamo ribadito le nostre posizioni. Prolungare blocco fino a ottobre”

next
Articolo Successivo

Sostegni bis, al via il servizio Inps per chiedere il bonus da 1.600 euro destinato a stagionali, intermittenti e lavoratori dello spettacolo

next