Aveva partecipato giovedì e venerdì al Consiglio Ue a Bruxelles, ma ora il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel è risultato positivo al coronavirus. Attualmente si trova in isolamento dopo avere fatto un autotest e rimarrà in quarantena a casa per i prossimi dieci giorni. Da lì continuerà a svolgere le sue funzioni e al momento soffre di sintomi lievi come febbre e mal di testa. Bettel era stato vaccinato il 6 maggio con una prima dose di AstraZeneca: in quell’occasione aveva condiviso la foto della somministrazione sul suo account Twitter. Giovedì 1 luglio avrebbe dovuto sottoporsi alla seconda inoculazione del vaccino.

Nei due giorni di vertice i cosiddetti “gesti-barriera sono stati rispettati”, ha assicurato una portavoce del premier all’Afp. “Nessun capo di Stato e di governo appare sulla lista del contatti stretti del primo ministro”, ha aggiunto. Bettel “presenta attualmente sintomi leggeri (febbre e mal di testa)”, ma “continuerà a esercitare le sue funzioni” in telelavoro, sottolinea la nota dell’ufficio del premier.

Mario Draghi ha fatto la seconda dose di vaccino ed è sottoposto ai regolari tamponi molecolari, fanno sapere da Palazzo Chigi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canada, sono 4 le chiese cattoliche incendiate. La polizia: “Incendi sospetti”. Non si esclude legame con i ritrovamenti di resti di nativi

next
Articolo Successivo

Colombia di sangue, due mesi di repressione. Il Paese martoriato da Covid, crimini di Stato e disuguaglianze

next