Ilnur N., cittadino russo di 29 anni e dipendente della facoltà di scienze naturali dell’università di Augusta, è stato arrestato venerdì dalle autorità tedesche con l’accusa di spionaggio. L’uomo è accusato di aver operato come spia russa almeno a partire dal 2020 e di aver incontrato in tre occasione un membro dei servizi segreti di Mosca, tra ottobre 2020 e giugno di quest’anno. I pubblici ministeri tedeschi non sono ancora riusciti a identificare il suo interlocutore, ma un giudice ne ha ordinato l’arresto in attesa di una possibile richiesta di rinvio a giudizio. Secondo l’accusa, in due di questi incontri, Ilnur avrebbe consegnato informazioni sull’università in cambio di una somma di denaro non specificata.

La procura federale di Karlsruhe ha dato notizia dell’arresto solo oggi, parlando genericamente di una “università in territorio federale”. La Dpa, la principale agenzia di stampa tedesca, è però certa che si tratti dell’ateneo di Augusta, come hanno confermato anche alcuni colleghi di Ilnur ai media tedeschi. Il 29enne si trova attualmente in custodia, la sua casa e il suo luogo di lavoro sono stati perquisiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelina Jolie in un campo profughi in Burkina Faso: “I cambiamenti climatici costringeranno milioni di persone a lasciare le loro case”

next
Articolo Successivo

Botta e risposta tra Rampelli (FdI) e Draghi: “Lei è il presidente italiano, non il commissario europeo”. “Porto avanti i nostri interessi in Ue”

next