Si aggiunge un tassello all’indagine sul meccanismo d’azione indotto dal vaccino che porta a trombosi con trombocitopenia (crollo piastrine). Il gruppo di genetisti dell’università di Francoforte e di Ulm ha presentato i dati del nuovo studio – non ancora revisionato e pubblicato su una rivista pre-print Researchsquare – che può spiegare i gravi effetti collaterali che sono stati attribuiti ai vaccini con vettore adenovirale (AstraZeneca e Janssen di Johnson&Johnson). L’Agenzia europea per i farmaci (Ema) già il 23 aprile dichiarava una media di eventi di questo tipo di 1 ogni 100mila vaccinati, mentre sarebbero attesi (senza vaccino) 1 caso ogni 1 milione di persone. Ilfattoquotidiano.it ha intervistato il responsabile della ricerca, il professor Rolf Marschalek: “Abbiamo definito il meccanismo della malattia indotta da vaccino come Sindrome da mimetismo Covid-19 indotta da vaccino (sindrome VIC19M)”. Così si aggiunge “il terzo pezzo del puzzle, oltre agli studi già pubblicati sulla trombosi con trombocitopenia indotta da vaccino di Andreas Greinacher, dell’Università Greifswald e sulle impurità dei vaccini di Stefan Kochanek, dell’Università di Ulm”.

Il vaccino AZ ha avuto 10 volte più casi di eventi tromboembolici di qualsiasi altro vaccino. Il vostro studio aggiunge un pezzo al puzzle degli altri studi condotti finora. Cosa avete scoperto?
Poiché i pazienti Covid hanno uno stato infiammatorio elevato, soffrono frequentemente di eventi tromboembolici di cui la maggior parte dei pazienti muore. Questo è dovuto principalmente a un alto carico di virus nel flusso sanguigno, che utilizza la proteina Spike, che è stata utilizzata anche in tutti i vaccini oggi disponibili. Questa proteina di superficie virale è come “Spike solubile” e così abbiamo detto che le “varianti Spike solubile” prodotte dal vaccino AZ fa un mimetismo Covid 19.

“Mimicry” (Mimica), cosa intende con questo concetto in termini semplici?
Ha lo stesso significato che si attribuisce in italiano; mi spiego: ho usato questo termine perché la vaccinazione con AZ imita-mima gli eventi tromboembolici del Covid1 9.

La proteina Spike inoculata con il vaccino potrebbe essere soggetta a splicing nei casi di trombosi con trombocitopenia? Questo significa che viene creata una sorta di “nuova proteina Spike”, che è diversa? Che cosa significa questo?
Abbiamo scoperto che quando questa sequenza virale viene espressa nel nucleo della cellula, molti di questi eventi di splicing avvengono arbitrariamente (lo splicing è una sorta di cancellazione di parti dell’RNA del virus, che può portare a varianti proteiche diverse). Quello che succede è che la maggior parte di questi cambiamenti causa delle aberrazioni di parti della proteina Spike o la fusione con un gene dell’adenovirus. Tutte queste varianti accorciate della proteina Spike saranno prodotte dopo la vaccinazione, (almeno per il tempo di 1-2 settimane). Questo si traduce in varianti solubili della proteina Spike. Supponiamo che siano potenzialmente pericolose quando le persone vaccinate iniziano a produrre anticorpi contro Spike perché si legano ai nostri recettori che si trovano nell’endotelio (le parti più piccole della microcircolazione) e creano “blocchetti” che possono causare trombi.

La trombosi del seno venoso cerebrale (CVST), che è assolutamente rara nella vita normale, è stata trovata come un grave effetto collaterale che si verifica 5-16 giorni dopo le prime vaccinazioni. Ma come si spiegano gli eventi tromboembolici tardivi?
Se varianti modificate dello Spike si verificano nello stesso momento in cui vengono prodotti gli anticorpi (nei giorni dal 5° al 16esimo), queste varianti della proteina Spike possono aggrapparsi all’anticorpo per formare complessi immunitari (pensate a loro come mattoni). Quando lo Spike – aggrappato alle “spalle” dell’anticorpo – va in giro per il corpo ed è ancora in grado di legarsi al recettore ACE2, questo può causare eventi tromboembolici tardivi, occludendo la microcircolazione, in uno degli organi che troverà muovendosi, stomaco, cervello, etc etc.

Per trombosi tardiva, cosa intende? Entro quanto tempo possono verificarsi? 30 giorni? 1 mese? 3 mesi?
La trombosi tardiva si verifica nelle persone colpite nei giorni 4-16 dopo la prima vaccinazione.

In linea di principio, tali trombosi possono verificarsi in qualsiasi sito del corpo umano in cui le cellule endoteliali esprimono ACE2 (il recettore che funge da porta d’ingresso per le chiavi del virus). Perché sono concentrate nei seni cavernosi cerebrali?
L’ACE (recettore che si lega con un fattore specifico) non è più concentrato nei seni cerebrali, ma questi seni venosi hanno alcune peculiarità: non ci sono valvole e il flusso di sangue può cambiare direzione a seconda che si sia in piedi o sdraiati. Questo può semplicemente aumentare la probabilità… è come se fossero stagnanti.

Ci sono test e controlli che possono essere fatti da chi è stato vaccinato con AstraZeneca per verificare che non ci siano squilibri? Se sì, il trattamento sarebbe abbastanza semplice, se fatto in tempo, cioè immunoglobuline ospedaliere?
Penso che le persone a rischio possano essere facilmente identificate dalla trombocitopenia di accompagnamento che porta a piccole emorragie visibili nei pori della pelle.

È necessario fare un esame del sangue per controllare i livelli delle piastrine?
In condizioni di trombocitopenia, il numero di piastrine scende bruscamente e provoca le emorragie cutanee. Se è così, bisogna contattare immediatamente il proprio medico personale.

Anche gli altri vaccini a mRNA possono portare a questi eventi tromboembolici specifici (VITT)?
Il numero di questi eventi (non VITT, ndr) è di 1 su un milione; questo è vero per tutti i vaccini mRNA e per il vaccino J&J. Solo AZ ha un rischio di 1 caso su 112.000 vaccinati. I vaccini mRNA non possono essere spliced (tagliati), poiché questi vaccini non entrano mai nel nucleo della cellula.

La spiegazione degli eventi avversi/letali potrebbe dipendere dal fatto che chi si è vaccinato aveva già avuto il Covid 19? Quindi nel sottogruppo di guariti? Oppure in questo sottogruppo, poiché ci sono già anticorpi neutralizzanti, non dovrebbe esserci questa reazione trombotica?
Penso che chiunque ha anticorpi neutralizzanti ha un rischio molto basso. Quindi presumo che le persone che hanno un alto carico di anticorpi contro Spike non dovrebbero avere problemi con questi vaccini. Al contrario, la vaccinazione dei pazienti Covid ha già dimostrato di eliminare i sintomi della Long Covid, poiché il sistema immunitario viene reindirizzato dalle proteine dell’ospite – che stanno causando i sintomi – alle proteine virali.

Quindi una persona con Long Covid ha più rischi se si vaccina? O il contrario: ha meno rischi?
Hanno meno rischi delle persone che non sono mai entrate in contatto con Sars Cov 2.

Ci sono altri vaccini – a parte il Covid – che hanno usato vettori virali contro virus a RNA e hanno causato splicing con eventi di coagulazione sistemica?
Sì… Il vaccino Ebola della J&J. Durante lo sviluppo di questo vaccino, questa azienda ha imparato ad evitare gli errori che ha fatto AZ. Infatti, J&J ha eliminato i siti di splice (dove la proteina si taglia) nel loro costrutto.

Lo studio su Researchsquare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“A Taranto la combinazione tra piombo e arsenico ha effetti deleteri sul quoziente intellettivo dei bambini che vivono a ridosso dell’ex Ilva”

next
Articolo Successivo

Covid, la scienziata che isolò il virus in Italia: “Calo anticorpi? Non è detto che diminuisca la protezione”. E sulla variante Delta: “Il vaccino mette al sicuro dai casi gravi”

next