Potrei dire che abbiamo aspettato 37 anni. Tanto ne sono passati da quando Loris Fortuna, il padre della legge sul divorzio, presentò la prima proposta di legge per la legalizzazione dell’eutanasia. Ma il Parlamento non ne ha mai discusso. Diciamo pure che ne sono passati “solo” 15 dalla lotta di Piergiorgio Welby, “appena” 8 dal deposito della legge di iniziativa popolare sottoscritta da 140.000 cittadini. Potremmo aggiungere “soli” due processi e due richiami della Corte costituzionale.

Per farla breve: non mi dite che servirebbe una legge, già lo sappiamo! Ma oggi l’unica possibilità di avere una buona legge sull’eutanasia senza dover aspettare qualche decennio ancora è il referendum per la legalizzazione. Dunque. le chiacchiere stanno a zero: chi è d’accordo per davvero raccoglie le firme; chi non è d’accordo, o (peggio) è d’accordo per finta, farà dotti ragionamenti su come questi temi andrebbero discussi in Parlamento e bla bla bla.

Per chi vuole dare una mano, c’è referendum.eutanasialegale.it. Per tutto il resto c’è il dibattito. Ci vediamo ai tavoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum eutanasia – storia di Daniela: ‘Avrebbe voluto scegliere, non ha fatto in tempo’. Cappato: ‘Serve legge per dare risposte ai malati’

next
Articolo Successivo

Ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno, migranti protestano davanti alla prefettura di Napoli

next