È morto Alessandro Cocco, il 54enne ricoverato lunedì nel reparto di Rianimazione del Policlinico di Bari per ischemia, dopo essere stato sottoposto alla vaccinazione anti-Covid con Johnson&Johnson nell’hub di Alberobello. L’accesso alla struttura del capoluogo risale al 12 giugno scorso, dopo un trasferimento dall’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti. L’uomo, residente a Rutigliano ma romano di origine, era stato vaccinato il 26 maggio con il composto americano. Due settimane dopo aveva avuto un malore e si era recato all’ospedale di Acquaviva, dove gli era stata prescritta una terapia farmacologica “per trombosi venosa periferica“. La famiglia ha autorizzato l’espianto degli organi per la donazione.

Il paziente è rimasto in condizioni critiche per tutta la giornata ed è stato sottoposto a elettroencefalogramma. Il suo è forse il primo caso di trombosi causata dal vaccino monodose americano, anch’esso sconsigliato dall’Aifa per l’uso sugli under 60 ma – a differenza di AstraZenecanon sottoposto a limitazioni dal ministero della Salute. Il Policlinico ha segnalato il caso del 54enne proprio all’Agenzia italiana del farmaco: una procedura “obbligatoria per legge“, dice all’edizione pugliese di Repubblica il responsabile della control room della struttura Silvio Tafuri, che serve – spiega “per valutare se l’evento avverso possa essere messo o meno in collegamento con la vaccinazione e si basa su un algoritmo. Richiede la verifica di tutta la storia clinica del paziente, a partire dalla data di vaccinazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stop Astrazeneca, Figliuolo: “Il piano vaccinale è ancora fattibile con le dosi che arriveranno fino a settembre. In grado di coprire l’80% della platea”

next
Articolo Successivo

Mix vaccinale, anche la Campania si adegua alle direttive di Speranza: Pfizer o Moderna per la seconda dose dopo AstraZeneca

next