Dopo diversi vertici finiti senza un accordo e le frizioni tra i partiti sui nomi dei possibili candidati, oltre che sull’ipotesi di federazione lanciata da Matteo Salvini, il centrodestra ha raggiunto un accordo, almeno per il candidato per Roma. A concorrere per la carica di sindaco sarà il professore di diritto e speaker radiofonico Enrico Michetti, mentre il magistrato Simonetta Matone sarà invece la candidata a vicesindaco. Una “squadra vincente”, per “amore di Roma”, secondo il leader della Lega. “Oggi abbiamo deciso per la candidatura di due nomi in ticket per la Capitale d’Italia, uno per il sindaco e uno per il vicesindaco. Un centrodestra compatto, che lavora per vincere”, ha commentato invece la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, alla fine del tavolo del centrodestra al palazzo dei gruppi della Camera
Eppure, non sono mancate le frizioni, dalla scelta dei candidati fino al nodo del Copasir. Ma i partiti hanno proclamato unità: “Piena sintonia nel centrodestra. Entro la settimana sarà ufficializzata la candidatura per la Regione Calabria”, ha rivendicato Salvini al termine del vertice. Se da una parte è stato raggiunto l’accordo sulla Capitale, dall’altra servirà ancora tempo per Milano e Bologna: “Ci siamo riconvocati per mercoledì prossimo e decideremo su tutto”, ha concluso il leader leghista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco che cosa si intende quando parliamo di un ‘nuovo MoVimento’

next
Articolo Successivo

Voto al Senato per i 18enni: alla Camera arriva il terzo ok: 405 sì, 5 no. Per l’approvazione finale manca solo l’ultimo voto al Senato

next