Centoquaranta persone immunizzate con il monodose Johnson&Johnson. È iniziata così ieri a Milano la vaccinazione a senzatetto e migranti. Tra i primi centri a partire, la Casa della Carità della Fondazione “Angelo Abriano” che, come racconta Laura Arduini, medico e psichiatra, responsabile dell’area Salute del centro, “da un anno” gestisce persone con il Covid. “Non vediamo l’ora di tornare a una vita normale”, spiega ancora. L’iniziativa è coordinata da Areu e Regione Lombardia e si avvale del personale dell’esercito. Un passo importante per gli ospiti del centro che, come ricorda Mohammed, il primo vaccinato della giornata, ora potranno anche “tornare a casa”. “Sono felice – conclude Mohammed – è importante vaccinarsi. Così ci sentiamo più protetti l’uno con l’altro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saman e Seid, le tristi storie di due giovani vittime di razzismo e fondamentalismo

next
Articolo Successivo

Saman, parlare di ‘guerra di religione’ non aiuta a far luce sulla bestialità di alcuni esseri umani

next