“È stabile nella sua gravità” la ragazza 18enne operata ieri al Policlinico San Martino di Genova per una trombosi. La ragazza era stata vaccinata il 25 maggio con il composto Oxford-AstraZeneca durante un Open day. In queste ore, spiegano dalla struttura ligure “è stata fatta una segnalazione di farmacovigilanza nella quale sono stati indicati i farmaci assunti dopo la vaccinazione, poi c’è stato un intervento di neuroradiologia interventistica per rimuovere il trombo meccanicamente, domenica, che è andato bene. Successivamente c’è stato un intervento dell’équipe neurochirurgica per la riduzione della pressione cranica legata all’emorragia. In seguito la ragazza è stata trasferita in rianimazione”.

Alisa (Azienda ligure sanitaria) e Regione Liguria avevano segnalato nel pomeriggio di domenica il caso di una paziente di 18 anni con diagnosi di trombosi seno cavernoso. La giovane, residente a Sestri Levante, dove stava per affrontare l’esame di maturità, era stata immunizzata dopo anamnesi vaccinale negativa. Il 3 giugno si è presentata in pronto soccorso con cefalea e fotofobia. È stata sottoposta ad esami: tac cerebrale ed esame neurologico entrambi negativi. Quindi era stata dimessa con la raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni. Il 5 giugno è ritornata in pronto soccorso con deficit motori a una parte del corpo. I medici l’hanno quindi nuovamente sottoposta a Tac cerebrale con esito emorragico per questo è stata immediatamente trasferita alla Neurochirurgia del San Martino. Dove domenica sera si è tenuto il secondo intervento chirurgico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, dalla 12enne Ada all’open day di Rieti: al via campagna per gli adolescenti. Remuzzi: “Ma adesso la priorità resti agli over 30”

next
Articolo Successivo

Roma, tamponi gratuiti per la comunità Sikh: “Molti di loro sono braccianti agricoli sfruttati, c’è chi non può accedere alle cure”

next