“Un bel brano di De Gregori dice ‘la storia siamo noi’, ‘nessuno si senta escluso'”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso del suo intervento al Quirinale per la festa della Repubblica, citando un brano del cantautore italiano. Il Capo dello Stato ha quindi esortato: “Proviamo a leggere così questi settantacinque anni di vita repubblicana: da una prospettiva diversa che ci consente di cogliere i profili di soggetti che spesso sono rimasti nell’ombra, sullo sfondo. E che invece hanno riempito la scena, colmato vuoti, dato senso e tradotto in atti concreti parole come dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà. Parole che altrimenti sarebbero rimaste astratte aspirazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella: “L’uguaglianza è un pilastro e una meta da conquistare. Non siamo ancora al traguardo di una piena parità uomo-donna”

next
Articolo Successivo

M5s, l’ex ministra Trenta lascia il Movimento: “Non è più la casa della trasparenza, troppi personalismi e compromessi”

next