Intervistato dal Corriere della Sera, Roberto Bolle ha voluto ricordare Carla Fracci, l’ètoile della Scala morta a Milano nella giornata di oggi 27 maggio. “Se Carla Fracci non avesse aperto le strade prima di me io non avrei mai fatto quello che ho fatto nella mia carriera. La sua perdita è un gran dolore”, ha commentato commosso il primo ballerino della Scala e dell’American Ballet Theatre di New York.

E ancora: “Fin da bambino l’ho considerata una delle più grandi interpreti e ballerine, lei ha rappresentato la danza italiana nel mondo. Nessun altro nome era conosciuto e riconosciuto come il suo”. Poi il ricordo dei primi incontri di persona: “La ricordo agli spettacoli in Scala. Io studiavo e la guardavo ammirato. E poi il suo debutto a 60 anni nel ruolo di Tatiana in Onegin: una forza incredibile. Quando abbiamo iniziato a collaborare ero terrorizzato, proprio per il fatto di dover ballare con l’icona della danza. Avevo paura non tanto di sbagliare i miei passi ma piuttosto di non sostenerla abbastanza. Lei mi ha aiutato moltissimo e vederla era sempre un piacere”.

Roberto Bolle ha poi voluto ricordare anche il suo lato ironico, la volontà e la tenacia che ha avuto fino all’ultimo nel suo lavoro: “Ha dato una grande lezione a tutti. Mancherà tanto a me e alla danza italiana“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Morta Carla Fracci, tutte le curiosità sull’etoile che si sentiva “un cigno nero”: vestiva sempre di bianco ma al mare usava i jeans e odiava le folle

next
Articolo Successivo

Morta Carla Fracci, la sua vita come una fiaba: così la figlia di un tramviere è diventata con talento e ostinazione la più famosa ballerina del mondo

next