A 43 anni dall’approvazione della legge 194, il diritto della donna all’aborto non è ancora pienamente garantito in Italia. Per questo le associazioni Amica – Medici Italiani Contraccezione e Aborto e Luca Coscioni , insieme alla deputata del Partito democratico, Lia Quartapelle, hanno presentato in conferenza stampa alla Camera una proposta per “aggiornare” la legge. Dopo più di quarant’anni, spiegano, “la situazione è di una non-applicazione in larghe parti del nostro Paese” spiega Anna Pompili, ginecologa di Amica. “Ci sono poi – prosegue – ingiustizie gravi generate dal dettato stesso della legge. Penso alle donne costrette ad emigrare all’estero laddove venga fatta una diagnosi tardiva di grave patologia fetale”.

In particolare, la richiesta è di una modifica degli articoli 6 e 7 proprio riguardante l’interruzione di gravidanza per grave patologia fetale oltre la 22a settimana. Ma anche l’articolo 5 che stabilisce la necessità di un periodo di riflessione fissato per legge a sette giorni e l’articolo 9 che non prevede alcun obbligo di continuità assistenziale per il medico obiettore di coscienza. “Come tutte le leggi in ambito sanitario e dei diritti scontano un po’ lo spirito dei tempi in cui furono approvate e che nel frattempo sia dal punto di vista scientifico, sia dal quello sociologico, sono cambiate tante cose” commenta l’onorevole Quartapelle.

Avverte la ginecologa Mirella Parachini, vicesegretaria dell’Associazione Luca Coscioni: “Non dimentichiamo che accanto all’aspetto ideologico che permea sicuramente la legge 194, esiste un aspetto squisitamente sanitario e io credo che sia ora di riportare la tematica dell’aborto nella sua casella di riferimento che è quella dell’intervento medico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omotransfobia, consegnate in Senato 460mila firme: “Approvare ddl Zan così com’è. Italia Viva chiede modifiche? Così si affossa la legge”

next