Dopo la manifestazione che si è tenuta a Milano lo scorso 8 maggio, le associazioni in favore del ddl Zan sono scese di nuovo in piazza, questa volta a Roma, per chiedere a gran voce l’approvazione del disegno di legge per la prevenzione e il contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. In contemporanea, oltre alla Capitale, si sono tenuti diversi presidi anche in altre città d’Italia, tutti riuniti sotto lo slogan: “Per la legge Zan e molto di più: non un passo indietro.” Presenti in piazza del Popolo, oltre al promotore Alessandro Zan e alla senatrice del Pd, Monica Cirinnà, anche Jean Pierre Moreno, il ragazzo rimasto vittima di un’aggressione omofoba a Roma in metropolitana lo scorso 26 febbraio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il veleno è la disinformazione, non la pillola abortiva RU486”: è partita la campagna che risponde ai Pro Vita facendo parlare gli esperti

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, mobilitazioni in tutta Italia a favore del disegno di legge contro l’omotransfobia

next