“Non sono le industrie farmaceutiche che dettano le regole e la schedula vaccinale ma sono gli enti regolatori“, così a Sky Tg24 il presidente dell’Aifa Giorgio Palù, ospite di Buongiorno, commentando la scelta di allungare il periodo tra la prima e la seconda dose del vaccino Pfizer fino a 42 giorni. Pfizer negli ultimi giorni ha infatti specificato che gli studi clinici sono stati realizzati con una somministrazione a 21 giorni dalla prima, sottolineando però che la decisione spetta, appunto, agli enti regolatori. “Io ho cercato di far capire che gli studi validativi sono una cosa a cui è giusto attenersi – continua Palù – ma se poi viene data una raccomandazione emergenziale come fa Fda o una raccomandazione condizionata, come quella dell’Ema, all’osservazione sul campo si può anche correggere il tiro”. In questo caso, conclude, “è necessario farlo per carenza di dosi e per la necessità di coprire nel più breve tempo possibile una popolazione a rischio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Gimbe: “In un mese ricoveri dimezzati. Copertura vaccinale insufficiente tra over 60. Sì a restyling ‘colori’, ma non rivoluzionarli”

next
Articolo Successivo

Medici Senza Frontiere torna a soccorrere nel Mediterraneo. La nave Geo Barants servirà a colmare il “vuoto di capacità” della politica

next