“Il Consiglio di Stato si riserva la decisione, che sarà resa nota entro poche settimane”. Così si è concluso oggi l’udienza sull’impugnazione da parte di ArcerlorMittal e Ilva della sentenza con la quale, lo scorso 13 febbraio, il Tar di Lecce ha imposto la chiusura dell’area a caldo del polo siderurgico di Taranto. Il collegio giudicante di Palazzo Spada dovrà decidere, quindi, se confermare quel provvedimento o annullarlo. Associazioni e cittadini di Taranto hanno atteso la decisione davanti a Montecitorio. “L’area a caldo va chiusa” ha affermato un ex operaio, che in quel reparto ha lavorato per 17 anni e oggi si trova in cassaintegrazione. Dubbi anche sulla transizione ecologica e i fondi del Recovery Plan. “Noi a Taranto lo chiamiamo il ‘ministero della transizione oncologica’. Vogliamo le bonifiche che occuperebbero più lavoratori di quanto oggi sono occupati nello stabilimento siderurgico”. In piazza le croci bianche sorrette dalle mamme dell’associazione che raccoglie i genitori dei tanti bimbi e ragazzi tarantini che non ci sono più: “Vogliamo giustizia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sfida di Italia e Ue, energia quasi solo dalle rinnovabili. “Impatto sul paesaggio? Tante le soluzioni e le tecnologie per limitarlo”

next
Articolo Successivo

La Valle d’Aosta approva la legge anti-Lupo: permetterà abbattimenti “per difendere persone e animali”. Contraria Legambiente

next