Aveva costretto un ragazzo di 28 anni a camminare nudo insieme alla sua fidanzata lungo le vie di Anzio, picchiandolo e riprendendolo con lo smartphone. Il video è finito sui social network e ha permesso agli agenti della squadra investigativa del commissariato di Anzio, coordinati dalla Procura di Velletri, di rintracciarlo e arrestarlo. Le immagini diffuse dall’uomo, fanno sapere dalla procura, un pregiudicato con numerosi precedenti penali, hanno generato un vero e proprio allarme sociale per la loro crudeltà e fatto scattare le indagini delle forze dell’ordine.

Alla base del comportamento dell’uomo, pare ci sia stato un diverbio avuto alle prime ore del mattino del 23 aprile, e il ventottenne avrebbe dovuto pagarla in quel modo. “Guarda alla telecamera, sorridi. – dice nel video l’uomo – Ho detto che devi sorridere, sorridi. Guardate il pagliaccio che mi ha rubato dentro la macchina. Si fa una passeggiata per Anzio nudo, questa si chiama disciplina”. Le immagini riprendono il ragazzo nudo e poi inquadrano la sua ragazza: “Questa è la sua pischella, sorridi anche tu”, dice precisando la sua l’appartenenza a un clan sinti noto nella zona di Anzio. Al momento l’uomo è rinchiuso nel carcere di Velletri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esplosione in un edificio di Gubbio: crollato un intero piano e il tetto. Le immagini dei Vigili del Fuoco

next
Articolo Successivo

Vaccinazioni, il 72% degli over 80 ha ricevuto prima e seconda dose. Nella fascia 70-79 anni il 14%. Lunedì si aprono adesioni over 50

next