Nuovo fronte di scontro tra Francia e Regno Unito, che si consuma nelle acque della Manica per effetto della Brexit. Al centro la questione pesca, punto cruciale dell’accordo di divorzio dall’Europa, ma che Londra interpreta in maniera restrittiva. Circa 50-60 pescherecci francesi hanno protestato questa mattina al largo dell’isola britannica di Jersey – che si trova a 22 chilometri dalle coste della Normandia – contro le condizioni ritenute penalizzanti imposte da Londra alla loro attività: infatti le navi francesi possono operare entro 12 miglia dalle coste britanniche soltanto se dimostrano di avere un legame comprovato e di lunga data nelle stesse acque. In questo caso devono comunque ottenere un permesso di autorizzazione, una licenza che finora le autorità di Jersey hanno concesso in minima parte: il via libera è stato dato infatti solo a 41 imbarcazioni su 344, e le autorità britanniche hanno anche imposto limiti alla quantità del pescato per le navi straniere e specifiche rispetto alle reti che possono essere utilizzate nelle acque di Londra.

Solo nel primo pomeriggio le decine di pescherecci francesi hanno fatto rientro in Francia abbandonando la protesta. “Adesso – ha detto Ludovic Lazaro a nome dei pescatori francesi – spetta ai ministri mettersi d’accordo. Noi non possiamo più fare granché”. Il presidente del comitato regionale della pesca di Normandia, Dimitri Rogoff, ha aggiunto che “la dimostrazione di forza è stata fatta”. E ha anche lui aggiunto che “ora deve entrare in gioco la politica. Non spetta ai pescatori bloccare l’isola di Jersey per ottenere quello che vogliono”. Il governo britannico, tramite un portavoce di Downing Street, ha invece annunciato soltanto in serata che le sue due navi militari “si preparano a tornare in porto nel Regno Unito”, precisando che – con il ritiro oggi dei pescatori – “la situazione si è per ora risolta” ma aggiungendo che la Royal Navy “resta in standby per garantire assistenza a Jersey” in caso di ulteriori proteste o minacce legate ai diritti di pesca post Brexit.

La risposta alla protesta: Francia e Regno Unito inviano navi – Lo scontro ha portato il premier inglese Boris Johnson a inviare due navi da guerra (Severn e Tamar) nella tarda serata di mercoledì per pattugliare l’area e scoraggiare il tentativo di blocco ingaggiato dai pescatori. A questa azione però ne è seguita un’altra: come riporta Le Figaro, il presidente Macron ha inviato a sua volta due navi militari per presidiare l’area, dopo le parole della ministra francese responsabile del Mare, Annick Girardin, che martedì davanti all’Assemblea nazionale di Parigi aveva anticipato che la Francia era pronta a ricorrere a “misure di ritorsione” nei confronti dell’isola di Jersey se le autorità britanniche avessero continuato a limitare l’accesso dei pescatori. Sulla vicenda è intervenuta in queste ore la Commissione europea, accusando Londra di “non rispettare le disposizioni dell’accordo post Brexit” sulla pesca. “Fino a quando non avremo ricevuto ulteriori giustificazioni dalle autorità britanniche, riteniamo che non debbano essere applicate”, ha detto una portavoce della Commissione. “Facciamo appello alla calma e alla moderazione”. La reazione dei pescatori è poi sfociata nella minaccia del blocco di St. Helier, capitale e porto principale dell’isola, con il rischio di privare i suoi abitanti persino della corrente elettrica che per il 95% viene fornita dalla Francia. Il contratto per la fornitura scadrà proprio nel 2026, stesso anno in cui terminerà anche il periodo di transizione sulla pesca. Dopo quel termine, Londra potrà definitivamente bloccare i pescherecci stranieri.

La protesta – La risposta del governo locale è stata la richiesta di aiuto a Londra, arrivato sotto forma di due unità della Royal Navy incaricate ora di “monitorare la situazione”. Il Regno Unito assicura “il suo incrollabile sostegno a Jersey”, ha fatto sapere ieri sera Boris Johnson dopo colloqui avuti con il Chief Minister della piccola isola, John Le Fondé, e il ministro degli Esteri, Ian Gorst. Nel frattempo però le proteste vanno avanti: “I nostri battelli sono partiti da un po’ ovunque, dalla Bretagna, dalla Normandia. È incredibile essere riusciti a radunare così tanta gente“, ha dichiarato all’Afp uno dei pescatori francesi che partecipano alla manifestazione, Roman Davodet. Fonti giornalistiche sul posto affermano che, mentre altri pescherecci continuano ad affluire, alcuni fra essi tentano di impedire al cargo Commodore Goodwill di uscire dal porto di Saint-Hélier. Almeno tre pescherecci della stessa Jersey si sarebbero uniti alla protesta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Congo, stato d’assedio per Nord Kivu e Ituri, dove è stato ucciso Attanasio: “situazione inaccettabile” causata da gruppi armati

next
Articolo Successivo

La protesta dei pescherecci francesi a Jersey contro le condizioni imposte dalla Brexit: 50 barche riunite fuori da St. Helier – Video

next