Efficace contro le varianti del coronavirus brasiliana e sudafricana. La società Usa Moderna, che come Biontech-Pfizer ha sviluppato un vaccino con la tecnologia a Rna messaggero, annuncia che il boostergià allo studio lo scorso febbraio – ovvero il richiamo del vaccino anti Covid ha generato una promettente risposta immunitaria contro le varianti che in questo momento sono più diffuse e per questo considerate più pericolose. In una nota l’azienda cita i primi risultati di uno studio clinico in corso, con il quale Moderna sta testando una dose di richiamo da 50 microgrammi in individui già vaccinati.

I risultati mostrano che questa ha aumentato le risposte anticorpali neutralizzanti contro il virus originale, nonché contro la variante B.1.351 e la P.1, individuate in Sudafrica e Brasile. Le dosi di richiamo sono state “generalmente ben tollerate”. “Siamo incoraggiati da questi nuovi dati, che rafforzano la nostra fiducia nel fatto che la nostra strategia di richiamo possa essere protettiva contro queste nuove varianti individuate. La forte e rapida spinta dei titoli a livelli superiori alla vaccinazione primaria dimostra anche chiaramente la capacità di mRNA-1273 di indurre la memoria immunitaria”, commenta Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna. La piattaforma mRNA di Moderna, prosegue, “permette una rapida progettazione di candidati vaccini che incorporano mutazioni chiave del virus, permettendo potenzialmente un più rapido sviluppo di futuri vaccini alternativi abbinati alle varianti, qualora fossero necessari”. Quindi, aggiunge Bancel, “continueremo ad apportare tutti gli aggiornamenti necessari al nostro vaccino Covid-19 per controllare la pandemia”. A fine febbraio l’azienda aveva annunciato che avrebbe aumentato la produzione fino a un miliardo di dosi.

Il motivo del richiamo è stato spiegato in una intervista a La Stampa da Andrea Carfì, responsabile delle ricerca sulle malattie infettive e vicepresidente di Moderna. “Nei test di laboratorio abbiamo visto che nel sangue delle persone vaccinate gli anticorpi neutralizzanti diminuiscono di sei, anche sette volte nel caso della variante sudafricana, di circa tre volte se vengono misurati sulla variante brasiliana, mentre non ci sono perdite rilevanti rispetto alla mutazione di origine britannica”. I tempi per ricalibrare il vaccino su una nuova variante appaiono brevi: “In questo caso ci sono voluti 35 giorni per generare il vaccino e due settimane di studi clinici per avere datti sulle risposte anticorpali. Può sembrare poco ma in realtà dobbiamo solo cambiare la sequenza dell’Rna messaggero. È la produzione poi a richiedere tempo”. Come Pfizer anche l’azienda Usa sta conducendo test sulla sicurezza e l’efficacia della popolazione più giovane: “Abbiamo avviato due studi, uno arruolando 2.500 adolescenti dai 12 ai 17 anni che pensiamo di portare a termine entro questa estate. L’altro è condotto su 6.500 bambini in età pediatrica tra sei mesi e 11 anni con dosaggi decisamente più bassi e contiamo di concluderlo positivamente per fine anno, primi del prossimo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisanti indagato, 40 scienziati scrivono una lettera in sua difesa: “Pericoloso precedente contro la libertà della ricerca scientifica”

next
Articolo Successivo

Polonia, scoperta la prima mummia egiziana incinta al mondo. I ricercatori: “Convinti fosse un sacerdote”. Ma il test ha rivelato il feto

next