“Il doppiatore non esiste. Esistono gli attori che prestano la voce ad altri attori”. Luca Ward non usa mezze misure. Il re del doppiaggio italiano, nel presentare a #SpinOff su FqMagazine.it il suo libro biografico Il talento di essere nessuno (Sperling&Kupfer) dispensa consigli ,anzi un vero e proprio tutorial sulle tappe per diventare doppiatori. “Ci si forma in teatro, Gli attori si formano solo in teatro, ragazzi. Non fatevi abbindolare dalle accademiucce, robette varie… No! Ci vogliono solo le scuole di teatro, tanto ne siamo pieni, e per fortuna stanno riaprendo. Ci si prepara lì e poi si imparerà anche la tecnica del doppiaggio che già in molti corsi di teatro si inizia ad insegnare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Ward e il dramma della figlia Luna, affetta da una malattia rara: “Corridoi sanitari aperti sempre, anche in tempi di pandemia”

next