di Nicola Cirillo

Se ne è tanto parlato, ma la discutibile esternazione di Beppe Grillo in difesa del figlio Ciro, indagato per un presunto stupro, presenta degli aspetti che sono stati sottolineati poco o niente dalla stampa e dai social.

Il primo aspetto è che si tratta di un video registrato e non di un video in diretta. Questo deve lasciare qualche dubbio sull’autenticità della comunicazione “istintiva” e lasciare spazio, invece, all’idea che si tratti di un video ragionato, pensato, prodotto e quindi distribuito. Beppe Grillo sceglie l’inquadratura ben illuminata, fa il suo ingresso su una poltrona già pronta, parte con il suo monologo e infine il video viene editato aggiungendo anche un nero in chiusura.

Il tono concitato non deve trarre in inganno: Beppe Grillo è un attore e un comunicatore. La retorica che usa è la stessa di quando parla di trivelle petrolifere o di conflitti di interesse. Anche in questo caso sa quello che ha detto e segue un suo scopo preciso. Forse quello di portare la vicenda che riguarda il figlio su un terreno extra-giudiziale, forse farlo diventare vittima, chiamare alla solidarietà. Ma se gli effetti che sortisce il video sono intenzionali o del tutto occasionali, si può affermare che denuncia un’ignoranza e un maschilismo che l’attore aveva già dimostrato in precedenti esternazioni. E questo è inaccettabile, soprattutto da parte di un personaggio così popolare.

Il secondo aspetto, più interessante a livello sociale e politico, è che non tutti gli esponenti più in vista del M5S lo hanno difeso a spada tratta. Tranne qualche timida espressione di solidarietà “umana” da parte di Paola Taverna e di Vito Crimi, i parlamentari del M5S si sono dimostrati liberi nel giudizio, biasimando l’uscita infelice della loro “illuminata” guida politica. E’ un fatto che ribalta l’idea dominante che Grillo sia il “padre-padrone” del Movimento e che sottolinea che i pentastellati godono di una libertà di pensiero e indipendenza che in altri luoghi politici è negata (penso ad esempio a Forza Italia e alla vicenda di Ruby o a come i parlamentari di Italia Viva difendano acriticamente il loro leader anche nelle situazioni più imbarazzanti, come i viaggi in Arabia).

Non ci è dato sapere se è un effetto voluto o insperato del video, ma è il segnale di una democrazia interna che fa ben sperare per le questioni importanti che deve affrontare questo Parlamento in tema di libertà.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il sistema proporzionale è l’ultima speranza della democrazia italiana

next