CLARA È BELLEZZA E TALENTO IN SALSA POP/R&BClara Soccini, in arte Clara classe 1999, a 18 anni dal Veneto si trasferisce a Milano. Prima sotto contratto in una agenzia di moda e poi arriva la musica. Il debutto risale allo scorso anno con “Io e Te” assieme a Nicola Siciliano. A dicembre 2020 è uscito il primo singolo “Freak”, poi a febbraio “Ammirerò” e ora “Bilico”, che racconta la divisione tra bene e male. Voce inconfondibile e un mix convincente tra pop e r&b. “L’essere in bilico è uno stato d’animo in cui mi ritrovo spesso – ci spiega la cantante -, soprattutto per le decisione che devo prendere nella mia vita. Tra i beat che il produttore del brano Seife mi ha fatto ascoltare ho scelto proprio questo perché rendeva proprio questa idea: spesso in uno stato mentale poco lucido prendiamo decisioni che non sappiamo mai siano quelle giuste. Nonostante tutto sono arrivata a fare quello che più amo ossia cantare. “Durante il primo lockdown mi sono un po ‘sfogata’ su Instagram – confessa – proponendo delle idee musicali, così ho chiamato Andrea De Simone con la convinzione di tentare la strada musicale. Ci siamo ritrovati in Sony per incidere il duetto con Nicola Siciliano e da lì è partita l’avventura”. Il mio posto nel panorama musicale italiano? Non mi catalogo nel mio universo c’è la trap come il pop, dipende dal mood”. Giudizio: Riconoscibile ed è già un miracolo – Voto 7/8

FQ New Generation, la nostra rubrica sulla nuova musica da tenere d’occhio: Clara, Malerba e i TOB

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Achille Lauro: “Cito sempre Dio perché sono profondamente credente. Le critiche da Antonio Ricci? Si informi”

next
Articolo Successivo

I Greta Van Fleet tornano con il loro secondo album, tra nostalgie del passato e realtà

next