Rifiuti reflui e fanghi industriali prodotti nel distretto conciario su cui aveva messo le mani la ‘ndrangheta. In particolare l’associazione criminale, insieme ad alcuni vertici dell’Associazione Conciatori di Santa Croce, in provincia di Pisa, si occupava di mescolare le ceneri di risulta dei rifiuti conciari classificati ‘Keu’, ossia altamente inquinanti, con altri materiali e riutilizzati in attività edilizie. Nel video, le scoperte fatte dai carabinieri. L’inchiesta, complessivamente, ha portato all’arresto di 23 persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“In un anno di Covid 10 milioni di persone hanno dovuto rinunciare a prestazioni mediche”: il report della Fondazione Italia in Salute – Video

next