“Le richieste sono aumentate del 50-60%”, racconta da Palermo il vicedirettore della Caritas don Sergio Ciresi. “All’inizio soprattutto da lavoratori in nero, ambulanti, badanti e colf. In autunno e inverno abbiamo visto un nuovo picco e ora siamo nel pieno della seconda ondata di aiuti. Le attività commerciali, il settore turistico, la ristorazione, le palestre…tutte le attività chiuse si stanno rivolgendo a noi. Certo, hanno ricevuto qualche bonus, gli sfratti sono bloccati e per i dipendenti c’è la cig, ma spesso hanno difficoltà ad affrontare qualsiasi spesa extra. Ci chiedono di pagare le utenze o la spesa, di acquistare farmaci”. Anche nel capoluogo siciliano sono stati poi organizzati corsi di formazione professionale per chi era rimasto senza lavoro. “Poi ci sono tutti quelli che già prima erano in una situazione precaria: gli stranieri irregolari, le persone che occupano una casa abusivamente”. In parallelo sono andati avanti i progetti per l’emarginazione più grave, a partire dalle persone senza fissa dimora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Dakar la street art per raccontare che la disabilità non deve escludere. Il progetto dell’Agenzia italiana per la cooperazione

next
Articolo Successivo

Terzo settore, l’impresa sociale Anteo incorpora la cooperativa Progest: nasce nuovo gruppo dei servizi socio sanitari e assistenziali

next