“Siamo il sesto paese al mondo per presenza di donne nel Consiglio dei Ministri. Per la prima volta nella storia del nostro paese, quattro donne occupano le quattro vicepresidenze“, e si tratta di donne “competenti e irreprensibili“. Il premier socialista spagnolo Pedro Sanchez ha confermato ufficialmente i cambiamenti decisi nel governo dopo l’uscita dallo stesso di Pablo Iglesias, secondo dei quattro vicepresidenti e leader di Unidas Podemos, il quale si è candidato alle elezioni regionali di Madrid.

Il posto di Iglesias come secondo vicepresidente sarà ora occupato dalla socialista Nadia Calviño, che è anche ministra dell’Economia. La ministra del Lavoro Yolanda Díaz, invece, diventa vicepresidente terza (incarico occupato finora da Calviño). Sarà quindi lei a rappresentare la quota di Unidas Podemos per gli incarichi di vicepresidenza. Ione Belarra, dello stesso partito, sarà invece la nuova titolare del ministero dei Diritti Sociali, l’altro posto lasciato libero da Iglesias. Le altre due vice donne sono Carmen Calvo (Ministro della Presidenza, Relazioni con le Cortes e l’Uguaglianza) e Teresa Ribera (ministro della Transizione ecologica e della sfida demografica).

Nell’annunciare le staffette, che prevedono appunto l’ascesa di tre donne in incarichi di maggior rilevanza, Sánchez ha sottolineato che quello spagnolo è “un governo femminista”. Il premier ha poi ringraziato Iglesias per il lavoro svolto. “Nel governo di coalizione sono sempre prevalse l’unità, la responsabilità e l’interesse pubblico“, ha detto.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, bimbo scatena il caos twittando dall’account dell’agenzia responsabile per le armi nucleari: ecco cosa è successo

next
Articolo Successivo

Donald Trump lancia il suo sito ‘revisionista’: nessuna traccia di impeachment, Covid e assalto al Congresso

next