“Siamo il sesto paese al mondo per presenza di donne nel Consiglio dei Ministri. Per la prima volta nella storia del nostro paese, quattro donne occupano le quattro vicepresidenze“, e si tratta di donne “competenti e irreprensibili“. Il premier socialista spagnolo Pedro Sanchez ha confermato ufficialmente i cambiamenti decisi nel governo dopo l’uscita dallo stesso di Pablo Iglesias, secondo dei quattro vicepresidenti e leader di Unidas Podemos, il quale si è candidato alle elezioni regionali di Madrid.

Il posto di Iglesias come secondo vicepresidente sarà ora occupato dalla socialista Nadia Calviño, che è anche ministra dell’Economia. La ministra del Lavoro Yolanda Díaz, invece, diventa vicepresidente terza (incarico occupato finora da Calviño). Sarà quindi lei a rappresentare la quota di Unidas Podemos per gli incarichi di vicepresidenza. Ione Belarra, dello stesso partito, sarà invece la nuova titolare del ministero dei Diritti Sociali, l’altro posto lasciato libero da Iglesias. Le altre due vice donne sono Carmen Calvo (Ministro della Presidenza, Relazioni con le Cortes e l’Uguaglianza) e Teresa Ribera (ministro della Transizione ecologica e della sfida demografica).

Nell’annunciare le staffette, che prevedono appunto l’ascesa di tre donne in incarichi di maggior rilevanza, Sánchez ha sottolineato che quello spagnolo è “un governo femminista”. Il premier ha poi ringraziato Iglesias per il lavoro svolto. “Nel governo di coalizione sono sempre prevalse l’unità, la responsabilità e l’interesse pubblico“, ha detto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, bimbo scatena il caos twittando dall’account dell’agenzia responsabile per le armi nucleari: ecco cosa è successo

next
Articolo Successivo

Donald Trump lancia il suo sito ‘revisionista’: nessuna traccia di impeachment, Covid e assalto al Congresso

next