Arriva il via libera alle somministrazioni del vaccino anti-Covid in farmacia: è stato siglato l’accordo quadro tra governo, Regioni, Federfarma e Assofarm per coinvolgere anche i farmacisti nella campagna di vaccinazione. “Ho appena firmato il protocollo“, ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza. “La campagna di vaccinazione è la vera chiave per chiudere questa stagione così difficile. Oggi facciamo un altro importante passo avanti per renderla più veloce e capillare“, ha dichiarato Speranza. A tal proposito, si avvicina l’arrivo delle dosi di Johnson&Johnson in Italia: il vaccino monodose, spiegano fonti del commissario per l’emergenza Figliuolo, comincerà ad arrivare dal 16 aprile. Per il secondo trimestre, dunque da aprile a giugno, dovrebbero essere consegnate all’Italia un totale di 7.307.292 dosi.

L’intesa con le farmacie prevede che dalle somministrazioni in farmacia siano esclusi i soggetti ad “estrema vulnerabilità o con anamnesi positiva per pregressa reazione allergica grave/anafilattica”. Le attività di prenotazione e esecuzione dei vaccini verranno invece eseguite dalle farmacie “secondo i programmi di individuazione della popolazione target previamente definiti dalle autorità e seguendo i criteri di priorità“. E’ riconosciuta alle farmacie una remunerazione pari a 6 euro per ogni singola inoculazione.

“Siamo sicuri che l’Accordo quadro, a carattere nazionale, verrà velocemente recepito dalle regioni”, ha dichiarato in una nota il presidente di Federfarma nazionale, Marco Cossolo. “Le farmacie aderiranno numerose anche a questa iniziativa, animate da quello spirito di servizio che da sempre le connota e che durante la pandemia è emerso con forza. Daranno così un contributo significativo al raggiungimento dell’obiettivo di ottenere al più presto una copertura vaccinale adeguata”, ha spiegato Cossolo. “Quello che stiamo vivendo in questi giorni è il coronamento di un impegno avviato ben tre anni fa – ha ricordato il presidente di Assofarm, Venanzio Gizzi – è infatti dal 2018 che nelle assemblee della nostra Federazione si parla del Farmacista Vaccinatore”.

Lo schema dell’accordo definisce gli aspetti tecnico-organizzativi per la somministrazione dei vaccini anti-Covid da parte dei farmacisti in farmacia, in attuazione di quanto previsto dalla legge di Bilancio e dal decreto Sostegni. Il documento definisce le regole del percorso formativo che abilita il farmacista alla vaccinazione, le misure logistiche necessarie per garantire la massima sicurezza ai cittadini e ai farmacisti, definendo le modalità operative della seduta vaccinale dalla fase di prenotazione e accoglienza fino a quella di osservazione e gestione delle eventuali reazioni avverse post-somministrazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, folla e code di anziani fuori dall’hub vaccinale a poche ore dall’inaugurazione con Toti e Figliulo

next
Articolo Successivo

Liguria, la protesta del parroco: non benedice gli ulivi dopo la decisione sulle coppie omosessuali. “Scelta per suscitare riflessione”

next