Era stato derubato da due rapinatori a bordo di uno scooter di grossa cilindrata, ma Giuseppe Greco, 26enne napoletano, ha deciso di inseguire i suoi aggressori, e dopo averli speronati li ha investiti uccidendoli. Come riportato dall’edizione campana del Corriere della Sera, in questo momento gli investigatori sono impegnati nel chiarire la posizione dell’uomo, così da inquadrare i fatti e capire se si è trattato di un atto volontario o colposo, se non di omicidio stradale.

Le vittime sono Ciro Chirollo di 30 anni e Domenico Romano di 40, due pregiudicati di Sant’Antimo che avevano affiancato il 26enne a bordo di un T-Max e lo avevano minacciato armati di pistola. I due dopo aver strappato il Rolex che Giuseppe Greco aveva al polso sono fuggiti, convinti di lasciarsi alle spalle il ragazzo che a sua volta viaggiava a bordo di una Smart. Il giovane ha però reagito all’aggressione, e dopo la tragica conclusione dell’inseguimento ha abbandonato entrambi i veicoli e i corpi delle vittime sul ciglio della strada per costituirsi alla stazione dei carabinieri di Marano.

Sul luogo dell’incidente sono stati trovati i due mezzi, affiancati ai corpi delle vittime e ai detriti dei veicoli. Alcuni testimoni hanno confermato la dinamica raccontata da Greco che ora dovrà essere valutata dalle forze dell’ordine.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cormano, uomo trovato morto incastrato in un tombino: aveva la testa immersa nell’acqua

next
Articolo Successivo

Barbara Corvi, arrestato per omicidio il marito della donna scomparsa nel 2009

next