Migliaia di israeliani manifestano questa sera a Gerusalemme per chiedere le dimissioni di Benjamin Netanyahu. Davanti alla residenza ufficiale del premier uscente che si sta giocando la sua sopravvivenza politica alle elezioni legislative di martedì 23 marzo, le quarte in meno di due anni. I manifestanti si sono radunati con regolarità dal giugno 2020 per gridare il loro malcontento nei confronti del più longevo dei primi ministri israeliani, 12 anni senza interruzioni. Netanyahu è anche il primo capo del governo in carica ad essere incriminato per corruzione in tre casi in cui il premier ha dichiarato la sua innocenza. Negli ultimi mesi, il movimento anti-Netanyahu ha preso slancio e la protesta odierna si annuncia con numeri imponenti. La polizia ha invitato i cittadini di Gerusalemme a stare lontani dal luogo della manifestazione e dalle strade circostanti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Feste senza controllo per lo spring break, Miami dichiara lo stato di emergenza: imposto il coprifuoco

next
Articolo Successivo

Israele, le autorità possono impedire ingresso a scuola a chi non è vaccinato o è non vuole fare test

next