Chi rifiuta la vaccinazione con AstraZeneca sarà ricontattato per un’altra tipologia di vaccino“, ma soltanto “successivamente nel tempo“. A chiarirlo è stato il presidente del Consiglio superiore di Sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli, nel corso della conferenza stampa al Ministero della Salute con la quale è stato ufficialmente revocato il divieto di somministrare il vaccino Astrazeneca in Italia, dopo il parere positivo dell’Ema. Locatelli ha ricordato come siano “state date ad oggi indicazioni per un uso preferenziale dei vaccini a mRna per gli over-80, personale sanitario o Rsa e soggetti estremamente vulnerabili”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Emiliano vuole la Puglia in zona rossa rafforzata: “È necessario stringere ulteriormente, spingere allo smartworking”

next
Articolo Successivo

Napoli, fanno irruzione nell’Ospedale del Mare dopo la morte di un parente: insulti ai medici e calci e pugni alle porte – Video

next