“Sapete cosa è cambiato rispetto ad un mese fa?”. Esordisce così Nicola Porro nell’ultima puntata della sua video rubrica social “La zuppa di Porro“, in cui critica apertamente Lega e Forza Italia sostenendo che “il centrodestra ha calato le braghe” con l’ingresso nel nuovo esecutivo guidato da Mario Draghi. “Per 60 milioni di italiani niente – spiega il giornalista – ma per sei di loro invece è arrivato status, macchina, segretari e ovviamente grande responsabilità. Sono Gelmini, Brunetta, Carfagna, Giorgetti, Stefani e Garavaglia. E ci spiegano perché le zone rosse di oggi vanno bene, mentre quelle di Conte invece no“, incalza Porro riferendosi alle nuove restrizioni entrate in vigore lunedì 15 marzo. “Come direbbero i foglianti: agenda del centrodestra per fortuna che c’è Enrico Letta. In effetti arriva il nuovo segretario e permette alla destra di far finta di dissentire: no allo Ius soli. E ci mancherebbe!”, conclude Porro.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Nicola Porro (@nicolaporro)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili