“La storia non può essere cancellata”. Quattro giorni dopo l’eliminazione della Juventus dalla Champions League, Cristiano Ronaldo rompe il silenzio. L’assenza di un messaggio, di un commento, dopo la serata nera contro il Porto, ha già alimentato le voci su un suo possibile addio ai bianconeri, magari per tornare a Madrid. Il post su Instagram, invece, racconta di un CR7 ancora completamente devoto alla causa Juve: “Più importante del numero di cadute che fai nella vita, è quanto velocemente e quanto forte ti rimetti in piedi… I veri campioni non si spezzano mai! Il nostro obiettivo è già puntato su Cagliari, sulla lotta per la Serie A, sulla finale di Coppa Italia e su tutto ciò che possiamo ancora ottenere in questa stagione”, scrive Ronaldo.

Il resto del messaggio è probabilmente una risposta a chi in questi giorni ha sottolineato il fallimento dell’operazione Europa: Ronaldo era stato acquistato dalla Juventus per alzare la Champions League e invece sono arrivate due eliminazioni agli ottavi e una ai quarti. Ma sotto i riflettori sono finite anche le ultime prestazioni di CR7: nel doppio confronto con il Porto, non è riuscito a essere decisivo come in passato. “È vero che il passato appartiene ai musei (direi io!), Ma per fortuna il calcio ha memoria… e anch’io! La storia non può essere cancellata, è scritta ogni singolo giorno con resilienza, spirito di squadra, tenacia e tanto duro lavoro. E coloro che non lo capiscono, non raggiungeranno mai la gloria e il successo”, scrive Ronaldo. Il campione non si è ancora arreso.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Subbuteo, ovvero la sublimazione del calcio: storia degli omini basculanti che hanno ridefinito il concetto di agonismo da salotto

next