EQV è il primo monovolume premium a trazione 100% elettrica proposto dalla casa di Stoccarda, unendo la versatilità della Classe V ai vantaggi di una vettura a batteria. Sono due le versioni disponibili, long (5,14 m) ed extra long (5,37m), ed entrambe si caratterizzano per la notevole autonomia, (418 Km NEDC – 353 Km WLTP), nonché la capacità di adattarsi a molteplici destinazioni d’uso. Senza dimenticare i servizi “Mercedes me” dedicati come la navigazione intelligente con gestione attiva dell’autonomia e servizi ed app basati sul cloud.

All’interno, la EQV è in grado di offrire lo stesso livello di versatilità e funzionalità della Classe V, il van gemello spinto da motore termico, grazie alla batteria installata nel pianale: una soluzione che inoltre permette una maggior protezione dell’accumulatore in caso di incidente e un baricentro più basso del veicolo.

L’abitacolo può essere personalizzabile con diversi tipi di allestimenti e configurazioni, ospitare fino a otto persone e stivare 1410 litri di bagagli. EQV si fa apprezzare come vettura per famiglie e tempo libero, company car di rappresentanza o shuttle dedicato ad hotel o trasporto VIP.

Piacevole da guidare, maneggevole in ogni situazione nonostante gli ingombri. Le sospensioni pneumatiche Airmatic con regolazione automatica del livello (disponibili a richiesta) aggiungono una dose extra di comfort a bordo. Sono poi 4 le modalità di guida: da Echo+ per una maggiore autonomia, a Sport (più reattività), passando per Confort.

Il motore elettrico eroga una potenza massima di 150 kW (204 cv) ed una potenza continua pari a 70 kW (95 cv), con una coppia massima di 362 Nm che garantisce una ripresa particolarmente brillante.

L’energia elettrica viene fornita da una batteria a ioni di litio raffreddata ad acqua con una capacità utilizzabile di 90 kWh. Molteplici le possibilità di ricarica, dall’alimentazione domestica alle wall box alle stazioni di ricarica pubbliche fast charge a 110 kW.

A bordo c’è un ecosistema che fornisce supporto al guidatore nel raggiungere la propria destinazione allontanando qualsiasi preoccupazione legata all’autonomia. L’elemento chiave è il sistema di infotainment MBUX e l’app Mercedes me. Tutti i display e le impostazioni possono essere gestiti nel menu EQ MBUX tramite il touchscreen da 10,25” ad alta risoluzione. È possibile attivare la preclimatizzazione, adattare le impostazioni di ricarica, gestire la navigazione con le funzioni Electric Intelligence e Mercedes me Charge o pianificare per intero un viaggio, anche da remoto.

Il sistema di navigazione intelligente è in grado di selezionare sempre il percorso ottimale con poche soste e tempi brevi per la ricarica. Al riguardo, vemgono preferite nella scelta le stazioni di ricarica rapida per risparmiare tempo, mentre la batteria viene precondizionata in funzione del pieno di elettroni. Il sistema reagisce immediatamente alle variazioni, ad esempio se il guidatore modifica il suo stile di guida, influendo così sui consumi. La visualizzazione ‘Range on map’ consente una pianificazione del percorso semplice ed affidabile: il guidatore ha sempre sotto controllo l’autonomia residua, senza effettuare una ricarica intermedia.

EQV, infine, viene prodotta nello stabilimento spagnolo di Vitoria, dove da più di 25 anni vede la luce anche Classe V. Il modello è già disponibile nelle concessionarie, ad un prezzo di attacco di 85.123 euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toyota RAV4 plug-in hybrid, la prova de Il Fatto.it – Ricaricabile e prestazionale – FOTO

next