Addio a Pietro Larizza: era stato segretario della Uil in anni difficili, dal 1992 al 2000. Aveva 85 anni. A dare la notizia è stato il suo predecessore, Giorgio Benvenuto. “La Uil tutta – si legge in una nota del sindacato – si stringe in doloroso silenzio al fianco della moglie e dei familiari e onora la memoria di uno dei Padri nobili dell’Organizzazione”.

Larizza negli anni da leader del sindacato fu promotore e protagonista della stagione della concertazione che portò alla firma del famoso Protocollo del luglio 1993 con il governo Ciampi. E’ stato anche presidente del Cnel, il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, tra il 2000 e il 2005, e senatore del centrosinistra. Candidato con i Ds nel 2006, risultò primo dei non eletti. Poi subentrò a Goffredo Bettini quando questi dette le dimissioni nel 2007 per dedicarsi esclusivamente all’attività di partito. Larizza provò a rientrare in Parlamento nel 2008, dopo che era caduto il governo Prodi II, come capolista per il Partito Socialista in Calabria, ma non fu eletto.

Lo annuncia il sindacato sottolineando come Larizza visse da La Uil tutta di si stringe in doloroso silenzio al fianco della moglie e dei familiari e onora la memoria di uno dei Padri nobili dell’Organizzazione”. Larizza era nato a Reggio Calabria il 21 luglio del 1935.

Nella foto: da sinistra Larizza con gli allora segretari di Cisl e Cgil Sergio D’Antoni e Sergio Cofferati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Consulta boccia la legge Fornero del 2012: tolse l’obbligo di reintegrare il lavoratore licenziato senza giustificato motivo

next
Articolo Successivo

Prato, la protesta degli operai della tintoria Texprint: “Lavoriamo 12 ore al giorno. Sindacato? Chi lo chiama viene messo in cassa integrazione”

next