Dopo 6 anni di inchiesta e a 32 anni dalla morte si è chiusa l’indagine sul presunto omicidio di Denis Bergamini, il calciatore del Cosenza morto nel 1989 sulla strada Stalale 106 all’altezza di roseto Capo Spulico, sulla costa jonica calabrese. La Procura della Repubblica di Castrovillari ha notificato l’avviso di conclusione indagini all’ex fidanzata Isabella Internò, oggi cinquantunenne che, adesso, ha venti giorni di tempo per produrre una memoria difensiva o chiedere di essere interrogata dal pm Luca Primicerio. Secondo gli inquirenti, il calciatore potrebbe essere stato prima narcotizzato e poi asfissiato meccanicamente attraverso uno strumento “soft”. Stando a una perizia del 2017, presentata nel corso di un incidente probatorio, infatti, la causa della morte potrebbe essere un “soffocamento lento”. Forse è stata utilizzata una busta. Infine il suo corpo, esamine o quasi, sarebbe stato posto sull’asfalto perché fosse investito. Così è stato. Bergamini, infatti, venne travolto da un tir in transito guidato da Raffaele Pisano, di Rosarno, che al termine dell’inchiesta non risulta indagato dalla Procura di Castrovillari.

Inizialmente sospettato di concorso nel delitto, la posizione di Pisano è stata archiviata così come quella di Luciano Conte, il poliziotto e marito di Isabella Internò che era stato indagato per favoreggiamento. Secondo l’ipotesi del pm, il piano criminale sarebbe stato realizzato da Isabella Internò assieme a persone rimaste ignote. Probabilmente è stata una di queste, e non l’ex fidanzata, a soffocare Bergamini. Il movente dell’omicidio comunque sarebbe quello della vendetta per la decisione presa dal calciatore di troncare il rapporto amoroso con l’indagata. A quest’ultima, la Procura contesta anche aggravanti come la premeditazione e motivi abietti e futili.

“Siamo sorpresi. – commenta su facebook l’avvocato Fabio Anselmo che assiste la famiglia Bergamini – La Procura di Castrovillari ha inteso informarci della chiusura delle indagini per l’omicidio di Denis attraverso un comunicato stampa rilasciato a tutti i giornalisti. Non sappiamo che fine abbiano fatto gli altri indagati. Sappiamo che Isabella Internò rimane accusata di omicidio pluriaggravato e, come tale, punibile esattamente con l’ergastolo e quindi non soggetto a prescrizione”. “Ci auguriamo – conclude l’avvocato Anselmo – di poter conoscere il contenuto degli atti di indagine e del fascicolo e abbiamo già inoltrato via pec una richiesta di accesso in tal senso. Auspichiamo davvero che la Procura ci rilasci copia delle indagini perché credo che la famiglia Bergamini ne abbia pieno diritto così come forse avrebbe avuto diritto di conoscerne gli esiti magari in altro modo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrara, trovati due corpi carbonizzati in una Polo di proprietà di un 64enne. La famiglia aveva da poco denunciato la sua scomparsa

next
Articolo Successivo

Caso Palamara, Clementina Forleo: “La magistratura non ha voluto cacciare i mercanti dal tempio”

next