“Il libro di Palamara è lo specchio di quello che è successo. Il fatto che uscisse fuori la sua chat, rinvenuta casualmente dopo aver installato un trojan, è stato voluto da qualcuno. Qualcuno che aveva intenzione nel far uscire certe notizie. Poi il sequestro del cellulare e nessuno poteva pensare che potesse avere un archivio così colossale, messaggi rimasti nero su bianco. Con lui i vertici si spartivano nomine e incarichi, anche come silurare i colleghi scomodi”. Lo ha detto Clementina Forleo, attualmente gip del tribunale di Roma, in diretta dalla pagina Facebook del Fatto Quotidiano con Peter Gomez e Antonio Massari autore del libro Magistropoli, tutto quello che non vi hanno mai raccontato sul Csm e sul caso Palamara.

“Quando il 30 maggio viene sequestrato il telefono a Palamara e rinvenuta la mole infinita di messaggi – ha continuato -, la magistratura si è dovuta specchiare, si è trovata di fronte ad una prova documentale. Si intuiva che le cose andassero cosi, ma non potevamo immaginare fino a questo punto, al punto di chiedere condanne per chi andava assolto. E questo specchio la magistratura non l’ha voluto vedere, come se l’immagine che rifletteva non fosse la propria. Non ha voluto cacciare i mercanti dal tempio, ma ha cacciato solo Palamara, come se non ci fossero altri mercanti”.

Sul finire dell’incontro alla domanda di Antonio Massari sul perché sia così importante accedere ad un incarico direttivo e guidare una Procura, la risposta di Clementina Forleo è altrettanto netta: “Non cambia sotto il profilo economico, perché fare il capo di una Procura o il sostituto procuratore prevede lo stesso stipendio. Ma è una situazione di potere che implica un rapporto di fedeltà. Direttivi non si nasce, ma si diventa. La corrente a un certo punto ha bisogno di nominare una certa persona per mandare nei posti di comando delle persone che poi devono ricambiare la fedeltà. Fare il capo Procura, quindi, non significa avere qualcosa in più in termini economici, ma si ha il potere anche per deviare, purtroppo, il corso delle indagini. Non è cosa da poco”, ha aggiunto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Denis Bergamini, chiusura indagini sul presunto omicidio del calciatore del Cosenza morto nel 1989. Indagata la fidanzata

next
Articolo Successivo

“L’ombra della ‘ndrangheta sulla società di mutuo soccorso Cesare Pozzo, truffa per 16 milioni”: 6 arresti. Indagato il broker Torzi

next