Bertolaso ha promesso di vaccinare tutti i lombardi entro l’estate? Francamente mi auguro di sì, visto che notoriamente sono definito menagramo e guastafeste. Ma sarà possibile solo se ci sarà il vaccino. E in questo momento non ce n’è abbastanza“. Così, a “Otto e mezzo” (La7), Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, risponde alla giornalista Lilli Gruber sul piano vaccinale lombardo annunciato da Guido Bertolaso.

Incalzato dalla conduttrice, l’infettivologo respinge la natura politica delle difficoltà attuali legate alla vaccinazione: “State buttando la questione sul politico. Tutto si può dire tranne che in questi mesi io sia stato tenero con la Regione Lombardia, ma in questo momento non c’è il vaccino, signori. Questo è il problema cruciale e il vero dramma. Non facciamo un gioco al massacro per cui non va bene il modello di questo o di quell’altro e ci si deve contrapporre anche all’interno dell’attuale governo, che potrà non piacere a molti e per molti aspetti neanche a me nella sua composizione completa“.

Galli spiega: “Il punto fondamentale a livello mondiale è che non c’è abbastanza vaccino. Secondo voi, io sono felice dell’idea che si vada verso l’orientamento di una sola dose del vaccino Pfizer? Ho tutte le mie perplessità, anche se i dati reali di Israele stanno dimostrando che si può fare. Io avrò sempre i miei paletti da proporre: ad esempio, non farei una sola dose vaccinale per le persone immunodepresse. In ogni caso il punto veramente cruciale è trovare il modo di avere il più rapidamente possibile i quantitativi di vaccini che realmente servono. E – conclude – temo che sia maledettamente difficile per come tira l’aria in questo momento. Possiamo disquisire che siamo capaci o no di vaccinare il Paese ma il presupposto è avere il vaccino. Trovo abbastanza allucinante ribadire che la Lombardia vaccina in un modo e altre regioni in un altro. Francamente, se devo dirla tutta, conosco Bertolaso dal 1987, ho lavorato con lui diverse volte e lo stimo. A me interessano le competenze tecniche in questi termini. Per quanto riguarda le mie convinzioni politiche, il discorso è un altro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, Sileri su La7: “Vaccinare il 70% delle persone entro giugno? Possibile, più che probabile. Milioni di dosi devono ancora arrivare”

next
Articolo Successivo

M5s, Spadafora a La7: “Conte può aiutare, ma non sia solo operazione di comunicazione per coprire le nostre contraddizioni”

next