“Siamo in arancione da lunedì, ma avendo davanti un weekend di giallo e bel tempo vi chiedo di tenere un comportamento corretto. Fatelo per la nostra salute e per chi negli ospedale sta lavorando a ritmi che speravamo non necessari. Fatelo anche per tutti quelli che non possono lavorare. Vi prego, comportatevi in modo adeguato al difficile momento”. Con queste parole il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, lancia un appello su Facebook a tutti i milanesi, affinché rispettino le regole nell’ultimo fine settimana in zona gialla, prima del passaggio della Regione Lombardia in arancione da lunedì. “Era previsto l’arrivo di questa terza ondata ed è successo – ha spiegato Sala – Alcuni nostri comportamenti l’hanno favorita. Ci sono immagini che tutti abbiamo in testa: i tifosi fuori da San Siro prima del derby, i Navigli pieni, che ormai sono diventati il set ideale per catturare immagine di gente assembrata, ma la verità è che a volte il rispetto delle regole manca davvero. Ieri sera ho fatto un giro per la città e ho visto troppi gruppetti di persone a chiacchierare con la mascherina abbassata”. I gruppi, ha osservato ancora il sindaco, “sono talmente tanti che diventano incontrollabili dalle forze dell’ordine. Detto ciò, oggi rafforzeremo i controlli. Ne ho parlato con il questore, ho chiesto un intervento più deciso per questo weekend e così sarà. Capisco che siamo tutti stanchi di questa situazione, lo sono anche io. Ma c’è almeno una cosa che dovremmo aver imparato: più ce ne approfittiamo, e più paghiamo pegno”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lazio, Zingaretti prova l’asse Pd-M5s in Regione: si lavora a ingresso in giunta dei 5 stelle. Lombardi: “Insieme per l’ultima fase”

next