Oltre 800 persone convocate. E cioè il “doppio di quelle realmente previste dalle agende”. In un centro vaccinale di Torino, in via Gorizia 114, si è creato il panico nella giornata di mercoledì a causa di un “disguido tecnico“. L’Asl Città di Torino, in una nota, spiega che l’errore è stato stato segnalato ieri dall’equipe vaccinale al Csi, il centro dei sistemi informatici di cui si avvale la Regione, che ha inviato, nel tardo pomeriggio di ieri, un secondo messaggio, “ma non è stato letto o non sono state rispettate le indicazioni – precisa l’Asl – da parte dei destinatari che si sono presentati comunque presso la sede”. Erano state chiamate, con il primo messaggio, 508 persone alle ore 13 e 366 alle 17. Ad attendere il vaccino c’era soprattutto personale scolastico che ha dovuto comunque

Il caos che si è venuto a creare fuori dalla struttura, ha costretto la polizia a intervenire per evitare code e assembramenti, tanto che gli agenti hanno dato una mano agli operatori Asl con le liste dei nominativi, organizzando i turni e chiamando le persone a voce (senza megafono né microfono). “Un caos totale che mi ha portato alla decisione di tornare, dopo ore e ore di attesa, a casa, senza aver fatto il vaccino”, racconta un’insegnante. Il centro, infatti, lo stesso utilizzato domenica mattina per avviare la campagna per gli ultraottantenni, può vaccinare al massimo tre persone alla volta. Scusandosi per il disguido, l’Asl fa sapere che “alcuni cittadini sono stati già riconvocati per la vaccinazione per il prossimo fine settimana”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Violenza sessuale su ragazze minorenni e pedopornografia”: tre arresti a Milano

next
Articolo Successivo

Vaccini, Moderna alza la produzione: “Fino a 1 miliardo di dosi nel 2021”. Al via studio clinico di un siero contro la variante sudafricana

next