Il boom di contagi da coronavirus registrato in provincia di Brescia preoccupa le autorità locali e nazionali, tanto che il Comitato tecnico scientifico sta valutando la situazione e potrebbe a breve suggerire il da farsi. A spiegarlo è stato il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, in conferenza stampa: “Il Cts farà le sue valutazioni a breve”, ha detto ieri il primo cittadino, sottolineando l’aumento dei casi e anche dei ricoveri in ospedale.

Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ora annuncia quali sono le restrizioni allo studio: “Nella lettera che ho inviato ieri al ministero della Salute ho fatto due ipotesi: l’istituzione della zona arancione in tutta la provincia di Brescia con la chiusura delle scuole o in alternativa alcuni interventi localizzati in alcuni Comuni dove i dati sono più brutti”, spiega a Repubblica. “La decisione la prenderò quando riceverò la risposta dei tecnici da Roma”, ribadisce Fontana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, un anno dopo il racconto dal primo hotel-focolaio di Alassio: “89 ospiti in isolamento obbligatorio. La vacanza diventò un incubo”

next
Articolo Successivo

Traffico di droga dall’Albania alla Lombardia, smantellate due bande: arresti in Italia e all’estero

next