I pantaloncini corti sono pronti. La t-shirt anche. Ho ritrovato anche le ciabatte da spiaggia e per fortuna ho un ventaglio. Ecco come vorrebbero farci andare a scuola a giugno quando in classe (senza condizionatori e pale) ci saranno 35 gradi e i miei alunni ripeteranno come un mantra: “Maestro fa caldo. Non riusciamo a portare la mascherina. Ci porti in giardino? Ma a che ora suona? Posso uscire a bere? Posso andare a respirare un attimo fuori? Ma perché siamo qui? Noi abbiamo fatto scuola tutto l’anno…”.

Sia chiaro, per ora è solo un’ipotesi, ma vale la pena parlarne da subito onde evitare il “nessuno ce l’ha detto”. Il neo ministro all’Istruzione Patrizio Bianchi, dopo una settimana di lavoro a Roma, è tornato a Ferrara, con un’idea in testa: escluso il prolungamento delle lezioni per superiori e medie a causa degli esami di Stato, si potrebbe fare alla primaria per recuperare la socialità.

Ma c’è di più: sembra che Bianchi stia pensando a dei patti di comunità, ovvero ad una scuola di vita da fare con il Terzo Settore. Ancora non si capisce se dovranno farla i docenti o degli educatori. Se sarà per tutt’Italia o solo per quelle regioni che hanno chiuso a lungo anche la primaria. In ogni caso il ragionamento di super Patrizio vale la pena esaminarlo guardando alle varie ipotesi in campo.

La prima: tutte le primarie a scuola. Gli insegnanti in classe fino al 30 giugno per recuperare i gap formativi. Qualche domanda: ma perché le elementari che hanno sempre tenuto aperto? Avremo i condizionatori? Siamo davvero sicuri che i gap formativi si recuperano in due settimane in più di scuola, sempre che si riesca a fare? E la mascherina con 35 gradi in aula?

La seconda: tutte le primarie a scuola ma con patti di comunità per recuperare la socialità. Anche qui un paio di dubbi. Uno: ma è proprio sicuro, ministro, che alle elementari ci sia da recuperare la socialità dal momento che abbiamo socializzato tutto l’anno? A giugno dovremo comunque mantenere distanziamento e mascherina: che socialità faremo a un metro o due di distanza? Chi coinvolgeremo del Terzo Settore nei più piccoli paesi dove c’è a malapena una Proloco e l’associazione di briscola o scopa d’assi?

La terza: scuole primarie aperte fino al 30 giugno nelle regioni dove non si è andati in classe in maniera continua o dove i presidi in autonomia lo ritengano opportuno per recuperare i gap formativi. E’ così certo, ministro, che i bambini con ritardo scolastico vivano bene questo tempo di recupero? Non sarà forse vissuta come una punizione? Una discriminazione?

Resta sul tavolo una questione sulla quale rifletto volentieri con lei e con chi sta leggendo questo post. La modifica del calendario scolastico (per i prossimi anni) non è da sottovalutare. Un modello di “vacanze” differente si può prendere in considerazione, così come si può pensare che i nostri ragazzi facciano scuola anche in estate. Ma quale? Sogno una scuola dove i prof portano i ragazzi sui beni confiscati alla mafia a lavorare; dove i docenti vanno in viaggio con i ragazzi in un’enclave serba; dove gli insegnanti organizzano un viaggio in barca a vela; dove i maestri accompagnano i bambini a fare un campeggio; dove organizzano uscite in montagna; al mare; a conoscere il Binario 21 a Milano; a incontrare testimoni.

Un’ultima considerazione: lo so che molti penseranno “ecco, il maestro Corlazzoli non vuol lavorare a giugno”. E’ vero: è così. A giugno non ho voglia di insegnare l’apparato digerente ai bambini, ma spero che prima o poi questo mese in cui buttiamo via il nostro prezioso tempo per la burocrazia sia invece un tempo da dedicare alla formazione – dove questa parola sia tradotta in visita ad un museo; partecipazione ad un corso; un viaggio.

Ps: caro ministro, se dovrò fare scuola a giugno sappia che la inviterò in classe. Un consiglio: la cravatta la lasci a casa, farà troppo caldo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2021, ecco come sarà: niente scritti, solo orale e un elaborato concordato con i prof. Ma non tutti saranno ammessi

next
Articolo Successivo

Scuola fino al 30 giugno, l’ipotesi del ministero dell’Istruzione: solo le elementari e non in tutto il Paese. Le perplessità dei sindacati

next