“Il discorso programmatico del presidente del Consiglio Mario Draghi in Senato? Ha detto che questo è il governo del Paese, ha definito il perimetro europeista e atlantista, così come ha fatto bene a parlare di irreversibilità della moneta unica e a delineare le priorità su vaccini, lavoro, occupazione femminile”. A rivendicarlo Debora Serracchiani, deputata e vice presidente dem, dopo il discorso del neo primo ministro a Palazzo Madama, mentre è in corso il dibattito sulla fiducia. “Ha già tracciato in poche linee quello che sarà l’impegno del Pd e di tutto il campo democratico che ha appoggiato il precedente governo”, ha continuato Serracchiani, precisando che “Pd e Lega resteranno alternativi“. “Le differenze le porteremo in Parlamento insieme a M5s e LeU, insieme ai quali abbiamo garantito un supporto leale a questo esecutivo”.
Contraria resta, dopo le linee programmatiche annunciate da Draghi, Sinistra Italiana, al di là delle divisioni nel gruppo parlamentare di LeU e nello stesso partito: “Poco è stato detto sul lavoro, perplessità anche su scuola e fisco, sui migranti si torna a una distinzione tra diritti dei rifugiati e migranti che poco ha a che fare con la natura delle migrazioni del nostro tempo. La nostra posizione resta di contrarietà a un esecutivo che passerà i prossimi mesi in un tira e molla tra posizioni inconciliabili”, ha spiegato il segretario e deputato Nicola Fratoianni. E se a Palazzo Madama è stato annunciato l’intergruppo di collegamento tra Pd, M5s e LeU nel tentativo di portare avanti un fronte comune, parlamentare ma non solo, SI chiede passi avanti nell’ottica di una coalizione: “Di solito un intergruppo è su singoli temi, comunque va bene. Certo, l’alleanza va però non soltanto evocata, ma coltivata. Allo stato attuale non c’è ancora, lo testimoniano anche i territori dove si dovrà andare a votare nelle prossime amministrative”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunali Roma, Virginia Raggi chiede di far votare la sua candidatura su Rousseau: “Basta ambiguità, si dia voce alla base M5s”

next
Articolo Successivo

Dallo stop a Salvini sull’euro alla continuità con Conte sul Recovery. E poi misure per i lavoratori e sostenibilità. I punti del discorso di Draghi

next