Sono arrivati e sono già stati testati a bordo dei cacciabombardieri Rafale egiziani i primi missili da crociera a lungo raggio Scalp prodotti dalla Mbda per l’esercito di Abdel Fattah al-Sisi. Il consorzio leader europeo nella produzione di missili è di proprietà al 37,5% di Airbus, stessa quota per Bae System e per il restante 25% dall’italiana Leonardo. La controllata Mbda Italia spa, con 1.300 dipendenti, opera negli stabilimenti di Roma, Bacoli (Napoli) e La Spezia. La spedizione di armamenti, spiegano le riviste specializzate internazionali, fa parte di una commessa più ampia che a settembre il quotidiano online La Tribune, come aveva raccontato anche Africa Express, quantificava in oltre cento pezzi (da circa 1,35 milioni di euro l’uno) prodotti dalla joint-venture anglo-franco-italiana.

A svelare l’avvenuta consegna del primo stock, che si pensa sia stata conclusa in autunno, è stata la rivista specialistica Janes che per prima ha notato la presenza di uno degli Scalp di produzione Mbda, presumibilmente all’interno di un hangar nella base di Gebel el-Basur, in un video diffuso dai canali social della Difesa egiziana in cui si mostrano le esercitazioni aeree congiunte tra Il Cairo e Parigi.

Un’operazione commerciale, questa, iniziata nel 2015 ma che ha avuto non pochi problemi, in particolare per l’iniziale opposizione degli Stati Uniti. I missili erano stati ordinati nel 2015 insieme a 24 cacciabombardieri Rafale, sui quali possono essere montati, ma Washington si era opposta all’export da parte del governo francese perché i missili presentano componenti e tecnologie progettate o prodotte in parte negli States. E questo avrebbe violato le norme americane in materia. Tanto che, negli anni successivi, il ministro della Difesa francese, Florence Parly, aveva chiesto a Mbda di sviluppare o impiegare componenti di produzione europea, così da aggirare il blocco statunitense. Blocco che è stato però revocato nel 2019 dall’amministrazione Trump, permettendo così la vendita dei missili Scalp al regime di al-Sisi.

Foto: Video diffuso dal Ministero della Difesa egiziano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Oms: “Certificato che attesti immunità da Covid sarà importante”. Ue: “L’obiettivo è vaccinare entro fine estate tutti i cittadini”

next