Tamponi gratuiti a tutti i rider. L’iniziativa è del Comune di Bologna che, primo in Italia e su richiesta dell’organizzazione Riders Union, ha organizzato il primo screening di massa per i ciclofattorini che ogni giorno consegnano i pasti a domicilio. Giovedì 11 febbraio è stato organizzato il secondo screening, dopo il primo giro di dicembre. L’iniziativa è rivolta a tutti, indipendentemente dalla società per cui lavorano. “Purtroppo al momento siamo gli unici – spiega l’assessore al Lavoro Marco Lombardo – mi auguro che venga replicato in tutte le città e che aiuti a sensibilizzare l’opinione pubblica su attività che dovrebbero essere fatte dalle imprese. Dovrebbero essere le piattaforme digitali a occuparsi della salute e della sicurezza dei loro lavoratori”. I fattorini sono stati invitati su base volontaria a sottoporsi a un tampone rapido e in caso di positività anche a uno molecolare

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scivola sulla neve e precipita nell’orrido di Pré-Saint-Didier, inutili i soccorsi per un operaio

next
Articolo Successivo

Cassa integrazione, Inps: “Pagato 99% delle domande presentate”. Nel dato non ci sono quelle decadute per scadenza dei termini

next