Se la crescita esplosiva di TikTok ha dimostrato una cosa, è che i video brevi sono qualcosa a cui le piattaforme social non possono rinunciare: sono accattivanti, aiutano a migliorare i tassi di fidelizzazione delle app e stanno attirando una pioggia di inserzioni pubblicitarie. Google se ne è certamente resa conto e si sta quindi assicurando che YouTube si adatti ai tempi che cambiano, tanto da aver avviato i test di un pulsante che dovrebbe rendere più facile la produzione di brevi video da parte degli utenti. Attualmente, sembra che il pulsante sia stato reso disponibile solo per gli utenti YouTube in India.

Il pulsante in questione viene visualizzato al momento sotto alcuni video musicali, per consentire agli utenti di creare clip di 15 secondi senza uscire dalla schermata corrente. Toccando il pulsante, l’app aprirà la fotocamera per consentire agli utenti di girare un video con la musica attualmente in riproduzione. In alternativa, possono anche importare video dalla galleria.

Una volta completata la registrazione, inoltre, è possibile effettuare alcune operazioni aggiuntive, come scegliere quale passaggio del brano utilizzare. Gli utenti possono ovviamente anche cambiare completamente il brano e selezionarne uno da un catalogo fornito all’interno dell’app, mentre tramite le annotazioni è possibile anche aggiungere testo al video.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Microsoft Surface Pro 7, tablet professionale da 12 pollici con 420 euro di sconto su Amazon

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy S21 5G recensione, smartphone completo ma non perfetto

next